Insultato e pestato a sangue sul campo di calcio: giocatore del Petrignano finisce in ospedale

Ambulanza generico 1' di lettura 11/11/2014 - Prima gli insulti, poi il pestaggio: “Sei un negro di m....”. Si è trasformata in un teatro di inaudita violenza la partita Petrignano - Terni est che sabato pomeriggio si è disputata nella frazione assisana per il campionato regionale juniores di calcio. A finire a terra, pestato sul campo da gioco, è un giocatore del Petrignano, che ha riportato traumi all’addome e ai testicoli per le botte ricevute.

La notizia è apparsa nell’edizione di domenica del Corriere dell’Umbria, dove si legge che il giocatore, originario dell’Ecuador, è stato insultato, aggredito, buttato a terra e pestato a sangue, colpito anche con la bandierina del guardalinee. Un’aggressione, sembra, a stampo razzista.
Dopo la pesante aggressione, presumibilmente da ragazzi della squadra avversaria, secondo la ricostruzione fatta dai legali che hanno sporto denuncia, il giovane è stato trasportato in ospedale, dove è stato ricoverato con diversi traumi.
"Assistere a quello che è accaduto alla fine della partita del campionato regionale juniores tra Petrignano e Terni est, è un'immagine che con il calcio giocato non c'entra nulla", si legge in una nota pubblicata sul profilo facebook dell'associazione sportiva dilettantistica del Petrignano. "Bisognerebbe fare un passo indietro - prosegue la società - giocatori, allenatori dirigenti e genitori, e ricominciare a vivere questo sport come un divertimento e non come lo sfogo di tutte le frustrazioni accumulate durante la settimana".





Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2014 alle 03:46 sul giornale del 11 novembre 2014 - 1200 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, aggressione, razzismo, assisi, petrignano, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abkO