Morte Aroldo Spadini, il ricordo di Enrico Sciamanna: ''Uomo di grande sapienza''

Enrico Sciamanna 2' di lettura 12/01/2015 - “Vorrei dire qualcosa a coloro a cui è sfuggita la sua dipartita e hanno dimenticato la sua vita. Non ne parlerò in maniera personale, non posso dirmi un suo amico, semplicemente ricorderò per quanto posso, a una città che vive di storia e non di memoria, quanto ha fatto in silenzio e sacrificio appassionato e chi era Aroldo per Assisi.

Conosceva ogni riposto angolo, ne sapeva percorrere le strade, aveva in mente centinaia e centinaia di persone che abitavano questo territorio, ne sapeva pregi e difetti, legami e contrasti.
Amava la musica e il vino, era un uomo di fede, credeva fermamente nell’uguaglianza tra gli uomini e non gli è mai venuto meno l’affetto dei suoi cari. Pur non avendo creato una famiglia sua, i nipoti gli sono stati vicino fino all’ultimo. Ma la qualità che lo eleva al di sopra di tanti concittadini più o meno illustri e lo impone alla nostra memoria, è stata la sua capacità di risolvere i problemi.
L’ufficio tecnico del comune si serviva di lui per avere risposte in qualsiasi situazione: idraulica, falegnameria, edilizia, carpenteria, ricordano, credo in molti, quando dirigeva attivamente la costruzione della tribuna e del palco del Calendimaggio o teneva conto dei materiali e delle attrezzature dei magazzini del Comune o delle esigenze del funzionamento dell’acquedotto. Non c’era monumento o edificio pubblico che non avesse sotto controllo, ovviando guasti o, quanto meno, intervenendo tempestivamente alla riparazione di danni, con abnegazione fino ad una sorta di accettato sfruttamento, forse per amore del suo lavoro e della sua città.
Un uomo di pochi studi e ancor meno parole, ma di una sapienza completa e di straordinaria competenza, che si esprimeva nella sicurezza e nell’efficacia del suo agire da artigiano senza bottega.
Queste parole servano come piccolo segno di gratitudine”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2015 alle 03:56 sul giornale del 12 gennaio 2015 - 1961 letture

In questo articolo si parla di cronaca, enrico sciamanna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/adSp