Bastia Umbra: Giorgio Bolletta traduce e presenta il libro ''Il posto d'un uomo''

Giorgio Bolletta 3' di lettura 31/01/2015 - È in programma per oggi pomeriggio, sabato 31 gennaio, alle ore 18, alla libreria Musica&Libri in via San Costanzo a Bastia Umbra, la presentazione del libro “Il posto d’un uomo” dello scrittore spagnolo Ramon Josè Sender, tradotto da Giorgio Bolletta per Edizioni Thyrus Terni.

Assisano di formazione tecnico-scientifica, al di là della sua attività di docente nelle scuole superiori Giorgio Bolletta ha maturato negli anni interessi linguistico-letterari che si sono concretizzati nel conseguimento di una laurea in lingua e letteratura spagnola, con una tesi sull’opera letteraria di Ramón José Sender. Di qui l'idea della traduzione di un'opera dello scrittore spagnolo, poco conosciuto nel nostro Paese anche perché pochissime sue opere sono state tradotte in lingua italiana.
Pubblicato alla fine del 2014, il volume verrà presentato su iniziativa del circolo culturale “Primomaggio”, alla presenza di Bolletta, di Rita Imperatori e del presidente del circolo Luigino Ciotti. La presentazione è aperta a tutti.
LA TRAMA
Sabino, il protagonista della storia, è un uomo povero, reietto, che fugge dal suo paese, seguendo un moto dell'animo, e va a rifugiarsi in montagna. La trama del romanzo ruota attorno a questa fuga e alla conseguente scomparsa. È attraverso quest'assenza che, paradossalmente, il protagonista farà sentire la sua presenza, resa ancora più concreta dal successivo ritrovamento. Il rientro metterà in crisi l'intera popolazione, la quale, avendo dato Sabino per morto ammazzato, non riesce o non vuole ammettere che egli sia ancora vivo. La giustizia, attraverso la quale due "poveri cristi" vengono accusati e condannati per il presunto omicidio, non può aver sbagliato. Per di più alla vicenda si sovrappone la politica, impersonata dai due caciques del paese, i quali, declinando i fatti a seconda della convenienza, complicano ancor di più gli eventi. Nonostante tutto Sabino, restituito alla vita, in qualche modo trova il suo posto nel mondo.
È possibile acquistare il libro a 12 ? (costo di copertina di 15?) inviando una mail a goboltn@libero.it, oppure chiamando il numero 3332141968 per concordare le modalità di pagamento e spedizione.
L'AUTORE
Ramón José Sender (Chalamera de Cinca, Aragona, 1901 - San Diego, California, 1982) è stato uno degli scrittori spagnoli più importanti e prolifici del XX secolo.
Nel 1922-24 prestò servizio con l'esercito spagnolo in Marocco e dal 1924 al 1936 lavorò nello staff di El Sol (The Sun) a Madrid e in altre riviste liberali. Fortemente critico sulla guerra in Marocco nel suo primo romanzo Imán (1930), nei successivi romanzi OP (Orden Público) (1931), sulla brutalità della polizia, e Siete Domingos rojos (1932), sulle agitazioni sindacali, si concentrò sulla giustizia sociale. Con Mr. Witt en el cantón (1935) vinse il Premio Nacional de Literatura.
Alla fine della guerra civile (1936-1939), che lo vide combattente tra le file repubblicane, si autoesiliò, trasferendosi in America: dapprima in Messico (1939-42), poi negli Stati Uniti, dove lavorò in diverse università come professore di Letteratura spagnola e compose quasi tutta la sua opera narrativa.
I numerosi romanzi pubblicati in esilio lo collocarono fra i principali narratori contemporanei di lingua spagnola. Rientrò per la prima volta in Spagna nel 1974, dopo aver ottenuto la pubblicazione di tutte le sue opere. Vi tornò ancora nel 1976 ma, resosi conto di non sentirsi più a suo agio nel paese d'origine, tornò in California dove concluse la sua vita.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-01-2015 alle 06:25 sul giornale del 31 gennaio 2015 - 739 letture

In questo articolo si parla di cultura, circolo culturale primomaggio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aeKw