Ricci, presidio sulla E45 contro la trasformazione in autostrada

11/02/2015 - Dieci ore e quattrocento chilometri percorsi sulla E45 per dire “Sì alla riqualificazione e no alla trasformazione in autostrada a pedaggio con pagamento”. E' questa l'iniziativa messa in campo da Claudio Ricci, sindaco di Assisi e candidato presidente alle prossime elezioni regionali, per protestare contro la trasformazione della E45 in arteria autostradale.

A conclusione della proficua giornata, Ricci ha “ringraziato quanti si sono impegnati, e i tanti che hanno partecipato, alla giornata di sensibilizzazione per dire sì alla riqualificazione (senza trasformazione in autostrada) della strada E45 e no al pedaggio a pagamento per residenti, trasportatori e turisti”.
Nelle dieci ore di manifestazione, dalle 11 alle 21 di sera, nei tratti Perugia, Terni, Orte e Orte, Terni, Città di Castello con circa 400 km percorsi, Ricci e la sua delegazione hanno incontrato molte persone e operatori economici, tutti sostanzialmente contrari al pedaggio (una posizione che, da sempre, ha caratterizzato la politica della Lega Nord alleata delle tre liste civiche Ricci in attesa della auspicabile adesione, in coalizione, di Forza Italia e Fratelli d'Italia.
Oggi, mercoledì 11 febbraio, sarà pubblicata un’intervista sul Corriere della Sera di Claudio Ricci, convinto che “cambiare in Umbria è possibile e si può vincere con un modello di coalizione di grande centro più una destra moderata per dignità sociale, legalità sicurezza e lavoro per tutti”.

da Claudio Ricci
Sindaco del Comune di Assisi







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2015 alle 01:27 sul giornale del 11 febbraio 2015 - 568 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, E45, claudio ricci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/afeG