Expo Milano, Mignani: ''Per Assisi un'opportunità economica e culturale''

Francesco Mignani 3' di lettura 03/04/2015 - Expo 2015 apre tra meno di 30 giorni con un tema di portata mondiale e di grande importanza per il futuro del nostro pianeta. "Nutrire il pianeta, energia per la vita". Circa quattro mesi fa ricordavo, con un articolo proprio su queste pagine, quanto fosse fondamentale la presenza della nostra città in quel contesto internazionale.

Probabilmente ma questo ancora non mi è dato sapere se all'interno del padiglione Umbria, Assisi sarà in qualche modo rappresentata. Il mio dubbio nasce dal fatto che ad oggi non ci sia stato alcun coinvolgimento da parte della amministrazione della cittadinanza. Infatti tutto tace e non vi è alcuna notizia neanche sul portale informativo del comune. Anche in seno alle associazioni culturali, alle Pro Loco, alle associazioni di categoria e alla neonata rete di albergatori, non c'è segno di programmazione tra imprenditori ed amministrazione. Alcune di queste, vista l'aria, si sono organizzate per una presenza a Milano in modo proprio. Senza l'apporto creativo, l'energia e la sinergia delle persone, non so in quale forma e in quale modo la città sarà quindi presente ad Expo 2015 e come evidenzierà la sua immagine promuovendo il territorio e le sue peculiarità. Con un po' di buona volontà, da parte di chi ci amministra, partendo per tempo, avremmo potuto creare qualcosa di buono, visto che gli argomenti attinenti al tema dell'esposizione ad Assisi non mancano. Basta pensare alla qualità della vita e al vivere e mangiare bene, in un contesto territoriale, in cui storia, arte, folclore, tradizioni, misticismo e spiritualità, non aspettano altro che essere valorizzate.
Agendo così perderemo anche l'opportunità di portare un po' di quei visitatori nella nostra Regione e nella nostra città. Una condizione accentuata tra l'altro dalla precarietà della rete di trasporti e dall'assenza di un collegamento aereo da e per Milano. Tutto questo non mi fa presagire buone cose. Ci sono vari interessi ed opportunità legati all'esposiziene mondiale che stiamo escludendo inesorabilmente.
Dal mio punto di vista e credo anche da quello della maggior parte dei nostri cittadini ed operatori, l'aspetto più significante per la nostra città è quello economico che è legato solo ed esclusivamente al flusso di turisti che potrebbero arrivare. Questo dovrebbe essere il vero obiettivo di un politico: portare ricchezza e benessere alla propria terra. Ma la distrazione incombe.
L'altro obiettivo non meno importante è socio/culturale ed educativo. Infatti il tema del cibo è un tema GENERATORE cioè è un tema che è in grado di allargare la nostra vista, dal nostro bisogno, alla necessità dell'umanità intera, dalla situazione contingente che ci troviamo a vivere a quella dell'intero pianeta.
Questo deve essere uno sguardo responsabile sulla sostenibilità alimentare futura. Intorno a questo tema una attenta amministrazione avrebbe avuto l'obbligo e il dovere di coinvolgere le scuole e le associazioni e avrebbe avuto l'obbligo e il dovere di promuovere approfondimenti e seminari, su cibo, risparmio, ambiente, sostenibilità, sostentamento, futuro. Nulla di tutto questo è stato fatto. Il tema come dicevo è fondamentale, lo stesso Papa Francesco in uno dei suoi discorsi ci fornisce importanti spunti di riflessione, quando sostiene che "se da un lato la natura è a nostra disposizione possiamo goderne e fare buon uso, dall'altro però non ne siamo padroni. Custodi, ma non padroni". Lo stesso San Francesco ci ricordava che "madre terra" è un dono prezioso e unico che tutti sostiene alimentandoci e nutrendoci.
Lo sguardo incantato del nostro Santo nei confronti della creazione, non trascura la necessità del "sostentamento di tutti" . Mi sono accorto, con i debiti accostamenti, che il pensiero di certi politici non va più in là del proprio sostentamento. È così che si perde l'opportunità di diventare capitale della cultura per il 2019 ed è così che perdiamo il treno per Expo 2015.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2015 alle 03:05 sul giornale del 03 aprile 2015 - 797 letture

In questo articolo si parla di politica, francesco mignani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahCo