Cst, la replica di Ricci: ''Tentato di tutto per salvare il centro''

Claudio Ricci 1' di lettura 06/07/2015 - Abbiamo appreso, cita Claudio Ricci Sindaco di Assisi, le solite critiche dell'opposizione, che a fasi alterne un giorno dice (in consiglio comunale) che il Centro Studi sul Turismo di Assisi va tutelato e il giorno dopo critica chi (come l'attuale amministrazione comunale) cerca di mantenere la struttura.

È bene ribadire che sino al 2006/2007 la gran parte delle risorse del centro studi sul turismo (80% circa) arrivavano da Università di Perugia e Regione Umbria: quando tali cifre non sono più state erogate (per motivi di bilancio) è iniziata (ovviamente) le difficoltà e l'unico ente che è rimasto sempre presente, nel tentativo (in atto) di tutelare e valorizzare il centro studi sul turismo, è stato il Comune di Assisi (come risulta dai verbali e come sanno bene anche gli ex dipendenti).
Questa amministrazione comunale ha ottenuto un grande successo (soprattutto in questo momento di difficoltà socio economica): aver mantenuto il corso di laurea in economia del turismo dell'Università di Perugia (i corsi ricominceranno nell'anno accademico 2015/16, grazie al Magnifico Rettore prof. Franco Moriconi in Santa Maria degli Angeli; inoltre è stata riaperta la sede in centro storico di Assisi (Palazzo Bernabei) per attività post laurea, master e specializzazioni (già alcuni corsi sono stati attivati e si stanno svolgendo). Questi sono i fatti che rimarranno - cita Claudio Ricci - il resto (le solite critiche politiche) sono destinate a svanire.


da Claudio Ricci
Sindaco del Comune di Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2015 alle 02:45 sul giornale del 06 luglio 2015 - 586 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, claudio ricci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alxJ