Da Marilyn a Francesco, omaggio a Cesselon: l'incontro domani in pinacoteca

Angelo Cesselon 2' di lettura 18/07/2015 - Nell’ambito del Festival Assisi Suono Sacro, a cura del maestro Andrea Ceccomori, si colloca un importante evento nel quale il tema cinematografico si lega a quello sacro: un omaggio al maestro della pittura cinematografica Angelo Cesselon a ventitre anni dalla sua prematura scomparsa (1922 -1992).

L’appuntamento, ad ingresso libero, è per le ore 16.30 nella sala pinacoteca in piazza del Comune. L’iniziativa, dal titolo “Angelo Cesselon - Cinema e pittura. Da Marilyn a Francesco. Un canto di colori e forme”, è a cura della dott.ssa Alessandra Cesselon e vedrà la partecipazione di Michele Bianchi, Stefano Valente, Andrea Ceccomori, Nicola Terracciano, Luca Biscontini, Leonardo Paganelli, Ernesto G. Laura, Alberto del Forno.
Nella sala dell’ex pinacoteca saranno esposti bozzetti cinematografici originali dal 1950 al 1970.
I volti di santi creati dall’artista rappresentano un canto di colori e forme: da Francesco a Massimiliano Kolbe, da Giovanna d’Arco a S. Teresina. Il suono sacro e melodico delle linee e dei contrappunti cromatici definisce le immagini e avvolge il ritratto in un clima di spiritualità; ma nei ritratti creati da Cesselon, il volto di San Francesco è ricco di glamour come quello di Marilyn Monroe la bionda diva del cinema americano. Due mondi, un unico linguaggio espressivo ricco di tocchi espressionisti che è il logo del maestro. La potenza rappresentativa che si evince in ciascuno dei volti rappresentati ne fa un prototipo culturale, religioso e sociale. Assisi ospita quindi un’esposizione, un incontro e un dibattito che consente originali paralleli tra il sacro e il profano, tra l’umano e il divino nell’arte. Un dualismo che si compone nella necessità comune dell’essere. La visione di alcune immagini dei protagonisti del cinema consente inoltre un’affascinante immersione nel particolare clima estetico degli anni ‘60. Presenti i volti degli attori più noti legati ad atmosfere indimenticabili. Cesselon dipinse opere uniche sia per intensità drammatica che per ricchezza dei contenuti. Un tuffo nella nostalgia per i cultori del genere e un’opportunità da non perdere per tutti gli appassionati d’arte e cinema.
Angelo Cesselon è uno degli artisti simbolo della pittura cinematografica del dopoguerra. Nel corso dell’incontro sarà proposta una selezione inedita dei suoi celebri "bozzetti" originali a tempera usati per i manifesti cinematografici. L’illustre cartellonista del cinema italiano, che operò fino agli anni ’70, è artista conosciuto e stimato in tutto il mondo per il suo personale linguaggio stilistico che si colloca tra il Figurativo e la Pop Art. Le sue opere sono basate sulla sintesi compositiva e la brillante ricchezza dei colori. Cesselon rimane un'icona intramontabile nel campo dell'arte figurativa del ‘900.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-07-2015 alle 03:51 sul giornale del 18 luglio 2015 - 706 letture

In questo articolo si parla di cultura, assisi, assisi suono sacro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/al8x





logoEV