Ospedale di Assisi, Ricci: ''No alla chirurgia programmata, sì alla chirurgia pediatrica''

Ospedale Assisi 1' di lettura 21/09/2015 - Nell'ambito di una relazione in terza commissione consiliare regionale, il consigliere regionale Claudio Ricci, portavoce del centrodestra, ha ribadito per quel che concerne l'ospedale di Assisi la contrarietà sulla trasformazione della chirurgia in programmata (dopo aver chiuso anche il punto nascita che aveva raggiunto, sino al 2007, 700 parti all'anno).

“Oltre agli interventi di riqualificazione edilizia in atto - ha affermato Ricci - dovrà essere data attuazione concreta allo sviluppo della chirurgia pediatrica (come polo regionale) ampliando i servizi al pronto soccorso (anche per rispondere alle esigenze dei sei milioni di turisti) e quelli di medicina, cardiologia, oculistica e diagnostica (citandone alcuni).
Assisi, città Santuario, come oltre esperienze italiane (citiamo San Giovanni Rotondo) può attrarre con la propria immagine, a beneficio di tutta la Regione (e in sinergia con l'ospedale di Perugia e l'Università), ambiti sanitari di rilievo anche internazionale in linea con l'idea di accoglienza e umanizzazione della cura”.


da Claudio Ricci
Consigliere Regione Umbria





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2015 alle 03:55 sul giornale del 21 settembre 2015 - 415 letture

In questo articolo si parla di attualità, ospedale, assisi, claudio ricci, regione umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aokH