Elezioni comunali: appello della sinistra per una lista alternativa al PD

Assisi panorama 3' di lettura 30/12/2015 - Fra pochi mesi gli elettori di Assisi dovranno scegliere chi dovrà governare in futuro il nostro comune. È probabile che ci siano molte opzioni e vari candidati sindaci, ma nessuno di sinistra.

Usiamo ancora questa espressione, perché per noi il mondo è ancora fatto, e anzi sempre di più, di pochi ricchi e miliardi di poveri, di sfruttatori e sfruttati, di finanza speculativa e duro lavoro manuale, di chi evade le tasse e di chi le paga e pensa che dovrebbero essere progressive, di chi commette ingiustizie e di chi le subisce, di chi pensa solo a se stesso e di chi è solidale, di chi respinge i migranti e di chi li accoglie, di chi elimina i diritti già esistenti e chi ritiene che altri diritti, a cominciare da quelli connessi al mondo del lavoro, debbano essere ottenuti e praticati, di chi esclude e ha paura dell’altro e chi include, di chi ritiene la natura e il territorio una merce e un’occasione di arricchimento e chi la rispetta.
Noi pensiamo insomma che esistano una destra e una sinistra, per il modo diverso di vedere il mondo, la società, l’economia, la cultura. Per questo riteniamo che ad Assisi occorra che sia presente, con una sua autonoma lista e un suo candidato sindaco, una progettualità che faccia dell’eguaglianza sociale, della democrazia, della solidarietà, della libertà, i punti fondamentali della propria azione amministrativa. Redistribuzione del reddito, creazione di lavoro nel rispetto di diritti umani e sociali, rilancio del turismo laico, accoglienza degli immigrati, degli esuli, dei profughi, dei poveri nelle strutture religiose e nelle proprietà inutilizzate.
Vogliamo una città che non si limiti a sventolare il vessillo della pace, ma faccia quotidianamente azioni concrete in questa direzione, dove i gemellaggi siano veri scambi culturali e la cooperazione praticata e sia un antidoto al razzismo dilagante. Un soggetto politico che salvaguardi ambiente, paesaggio, territorio e monumenti, nella logica del recupero, e non faccia un PRG clientelare e a crescita smisurata e deturpante, che crei spazi sociali per bambini, giovani e anziani, che crei vere manifestazioni culturali e non di basso consumo, che favorisca l’associazionismo e il volontariato, che sia la città di Francesco e non solo di Bernardone.
Vogliamo essere inclusivi e, per avere peso ed essere rappresentativi, lo possiamo fare solo insieme e con la partecipazione di tutti voi, con le vostre/nostre idee, con il vostro/nostro impegno, sapendo che non solo si può e si deve essere alternativi alla destra e alla cattiva gestione locale fatta dal centrodestra, ma anche alternativi al PD responsabile delle politiche nazionali che tagliano risorse e servizi ai comuni, che svuotano di democrazia effettiva le assemblee consiliari, che eliminano la partecipazione alle scelte. Per questo vi invitiamo ad aderire al nostro appello, costruendo insieme il nostro futuro nel pieno rispetto di Assisi come bene comune e del messaggio francescano.
Per adesioni o info: sinistra.assisi@gmail.com

FIRMATARI

Sebastiano Aisa
Giuseppe Alagna
Giorgio Becchetti
Lidia Bianco
Giorgio Bolletta
Annalisa Boni
Pietro Camponetti
Massimiliano Capezzali
Davide Cedrone
Franco Cesario
Carlo Cianetti
Luigino Ciotti
Roberta Clerici
Giovanni Corazzi
Massimiliano Dragoni
Alba Rosa Fascetti
Claudio Ferrata
Giuseppe Fongo
Marco Francalancia
Maria Luciana Favorito
Mattia Genovesi
Mirella Gori
Mario Grasselli
Emma Grassini
Cristina Guidi
Emanuele Guzzetti
Francesco Lampone
Mario Lazzari
Roberto Lippi
Damiano Marchionni
Paolo Marcucci
Marina Marini
Alessio Mariucci
Cinzia Passerini
Mikael Pergalani
Vincenzo Perna
Gabriele Pinca
Franco Prosperi
Francesco Pucci
Paolo Pucci
Renzo Raimondi
Gigliola Santarelli
Carlo Scopetti
Antonio Simoncini
Paola Timi
Maurizio Tomassini
Leandro Valecchi
Francesca Vignoli





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2015 alle 03:54 sul giornale del 30 dicembre 2015 - 698 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ar5O