Bastia Umbra: dal Pd critiche a Fratellini, ''Città più sporca e soldi buttati''

Rifiuti raccolta differenziata 02/01/2016 - Il mega Assessore tuttologo della Giunta Ansideri si è svegliato dal letargo o forse finalmente ha capito che la raccolta differenziata così come introdotta a Bastia, con un aggravio economico sul bilancio Comunale di circa 500 mila euro all’anno per le spese di gestione, non produce nessun risultato.

Continua a trovare ed addossare responsabilità negli altri livelli Istituzionali. A questo punto giova ricordare che le problematiche sono note da anni dal momento dell’insediamento dell'Amministrazione Ansideri che nel 2009 firmò il Contratto di servizio con la GESENU e non sapeva che le tonnellate di rifiuti conferite, sia differenziate che non, venivano pagate quasi allo stesso prezzo. Ora chiediamo, è giustificato questo aggravio di spese? Non esistevano alte forme di raccolta differenziata che portavano allo stesso risultato con minori costi? Ma non sapeva o non sa che la maggioranza azionaria della GESENU è privata e con soci particolari? Ora viene a predicare la castità dei passeri, sia che conoscesse i dati di partenza, sia che questi fossero ignorati, la responsabilità nei confronti della intera Cittadinanza Bastiola è gravissima.
Minore servizio, Bastia più sporca e in 5 anni si gettano al fumo tre milioni di euro di maggiori spese gestionali pagati dai cittadini di Bastia. Non era meglio che con queste risorse si sistemassero le strade piene di buche, i verdi pubblici e le scuole? Nei prossimi giorni proporremo un confronto pubblico su questi temi per rendere edotta la cittadinanza e scongiurare ulteriori aumenti della tassa rifiuti anche per l’anno 2016. E pensare che questa amministrazione aveva promesso da sempre di ridurre le tasse!

da Partito democratico
Sezione di Cipresso/Ospedalicchio





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-01-2016 alle 03:43 sul giornale del 02 gennaio 2016 - 327 letture

In questo articolo si parla di rifiuti, partito democratico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ar9t