Bettona commissariata: Pippi e Bambini, ''Ecco perché ci siamo dimessi''

Comune di Bettona 09/01/2016 - Noi sottoscritti, Bambini Lucio e Pippi Gianni, con le nostre dimissioni dal consiglio comunale, abbiamo voluto interrompere (con grande rammarico ma consapevoli delle nostre responsabilità,) una gestione amministrativa caratterizzata da una costante disattesa del programma elettorale e da alcune scelte amministrative in contrasto non solo con valori come solidarietà ed equità sociale, ma, a volte, con riscontri punitivi nei confronti di alcune associazioni culturali come ad esempio verso il Circolo Santa Croce.

Il Partito Democratico locale, ha tentato più volte di correggere l'azione del Sindaco lamentando non solo la mancata informazione e partecipazione dei cittadini ma anche l'assoluto e colpevole silenzio del primo cittadino nelle varie conferenze di servizio che hanno riguardato gli allevamenti intensivi e l'autorizzazione di un impianto a biomasse, in Via delle Monache, che addirittura prevede l'incenerimento di 15 tonnellate giornaliere di legname, oltrepassando largamente l'autoconsumo locale. Tutto ciò in netto contrasto con il nostro programma elettorale e con la nostra idea di sviluppo basato sulla valorizzazione delle risorse locali.
L'autorizzazione di questa centrale doveva passare, almeno come nota informativa, in consiglio e doveva esser portata a conoscenza diretta dei consiglieri sin dal principio e fatta partecipe la popolazione per poi assumere una posizione politica in merito e i necessari provedimenti.
Ma c'è ancora di più da dire. Tale richiesta, di centrale a biomasse, non è stata portata nemmeno in discussione all'interno della Consulta per l'Ambiente di cui lo stesso sindaco era presidente, ma non solo, una consulta che per pura casualità (?) non è stata più convocata da due anni, più o meno con la data in cui sono stati presentati i progetti di impianto a biomasse e un altro progetto di centro di rottamazione (o autodemolizione).

Dobbiamo anche far presente, in questa sintetica ricostruzione dei alcuni fatti, il nostro contrasto in merito alla rimozione dei cancelli presso il plesso scolastico di Passaggio e per l'affidamento dell'asilo nido senza adeguata gara d'appalto nell'anno 2014. Si potrebbero ricordare le azioni del Sindaco senza le adeguate informazioni preventive riguardo la risoluzione del contenzioso Gest della passata amministrazione, la chiusura dell'Ufficio Postale di Bettona e da ultimo rispetto la richiesta di un mutuo da 460 mila euro mai spiegato.
Ci possiamo soffermare sulla mancanza di risposte alle richieste, fatte da noi Consiglieri, presso gli uffici di competenza, non da ultimo l'atteggiamento ostativo, nei nostri confronti, da parte di qualche ufficio, guardacaso, puntualmente giustificati dal sindaco (tutto protocollato).
Per queste motivazioni noi con il Pd locale abbiamo chiesto una svolta significativa al Sindaco e concordato nelle oppotune sedi politiche 3 punti specifici. I punti prevedevano:
1. sospensione temporanea della determina autorizzativa della centrale a biomasse (fino ad un max 60 gg.), per poter intraprendere un cammino di verifica ulteriore e far partecipe la popolazione.
2. un nuovo assetto della Giunta attuale per apportare nuove energie e competenze specifiche volte a garantire una migliore armonia tra le forze politiche e una migliore trasparenza amministrativa.
3. una separazione di incarichi nell'Area Tecnica.
Il sindaco non ha rispettato le richieste da noi sostenute come consiglieri e condivise nelle opportune sedi con le segreterie provinciali e regionali, continuando come sempre a glissare le proposte del Pd o dei suoi Consiglieri. Si è in pratica opposto alla sospensiva temporanea della determina di autorizzazione dell'impianto a biomasse affermando di non poter far nulla, cosa smentita da più voci.
Riteniamo la posizione tenuta dal Sindaco, in merito alla questione dell'impianto a biomasse, assai particolare in un periodo in cui si levano, da più parti, forti segnali di preoccupazione sulle polveri sottili dovute alla combustione. Da mesi abbiamo intrapreso questa diatriba protocollata in 7 precisi protocolli a lui indirizzati tutti volti a far prendere all'amministrazione una posizione in merito. L'ambiente, per noi, viene prima della politica, la gente deve sapere e lottare per il proprio benessere. La politica non ha valore né colore di fronte a certe problematiche, specialmente in un territorio fortemente compromesso come il nostro.
Al nominativo indicato per subentrare come assessore esterno in Giunta comunale, lo stesso coadiuvato da un valido aiuto femminile con specifiche professionalità di lungo periodo ammnistativo, il sindaco, in maniera ironica e sferzante, ha risposto che avrebbe preferito l'ex sindaco L. M.. Ha mostrato in queste parole tutto il suo modo di essere, deridendo chi da anni è un iscritto al Pd e sostiene la trasparenza e la legalità oltre all'ambiente. In risposta al terzo punto ha affermato che avrebbe assegnato al solo Segretario Comunale la specifica Area di competenza indicata.
Aggiungiamo, in conclusione, che in questi 3 anni, sia noi personalmente, che tutto il Pd locale, si è attivato in tutte le maniere per raggiungere i miglior risultati possibili, ricordiamo l'inesauribile impegno messo in atto per il raggiungimento del finanziamento del Puc3, per la Pinacoteca, per il restauro di porta Santa Caterina inerenti al centro storico di Bettona, ci siamo attivati per la palestra di Passaggio di Bettona e per reperire qualsiasi forma di finanziamenti o per promuovere nuovi progetti come quello che prevede il recupero della Rocca e dei fondi all'interno del convento di San Crispolto.
La problematica ambientale è stata sempre al centro della nostra attenzione e reclamata in tutte le sedi, ma la mancata presa di posizione del Sindaco contro l'autorizzazione dell'impianto a biomasse e l'incapacità politica di voltare veramente pagina e tornare a valutare gli obiettivi programmatici reclamati da tempo, dove al centro vi sia la partecipazione e la condivisione nelle scelte più importanti non solo con i consiglieri eletti ma anche con tutti i cittadinici ha spinti al passo delle dimissioni.
Le scelte per la comunità, fatte in maniera casalinga, non possono essere più tollerate da chi si sente dalla parte dei cittadini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2016 alle 14:54 sul giornale del 11 gennaio 2016 - 618 letture

In questo articolo si parla di politica, bettona, gianni pippi, lucio bambini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ask3


Paolo Brufani

14 gennaio, 02:12
"Ma mi faccia il piacere" direbbe Totò a Bambini e c.