Piatto di Sant'Antonio, i Rioni De J'Angeli alzano il sipario (FOTO)

Rioni De J'Angeli 2016 11/01/2016 - Si è aperta venerdì, 8 gennaio, l'edizione 2016 del Piatto di Sant'Antonio, che quest'anno celebra un anno assai speciale per la città di Assisi e, in particolare, per tutta Santa Maria degli Angeli.

Il 2016, infatti, è un anno particolarmente sentito per una triplice ricorrenza: gli 800 anni dal Perdono di Assisi alla Porziuncola, l'apertura del Giubileo della Misericordia, che vede alla Porziuncola di Santa Maria degli Angeli una delle sue porte sante, e i 30 anni dal primo incontro di preghiera per la pace fra le religioni del mondo convocato nel 1986 dal Santo Giovanni Paolo II.
Per celebrare degnamente un anno così denso di significati, il comitato dei priori serventi del Piatto di Sant'Antonio ha ideato un'edizione arricchita e ampliata con tanti eventi di socializzazione, valorizzazione e scoperta del territorio angelano.
Novità assoluta è la festa “I Rioni De J'Angeli”, primo seme di una festa popolare che nasce nella frazione angelana e rievoca l'ideale divisione del paese nei tre rioni dai colori giallo, rosso e blu (rispettivamente: Rione Fornaci, Rione Ponte Rosso e Rione Del Campo).
La festa, che si propone come manifestazione storica, sociale, folkloristica e ludico-sportiva, ha come finalità quella di coinvolgere un maggior numero di angelani e suscitare in loro l’orgoglio di appartenenza ad una terra unica sul versante storico e straordinariamente interessante per essere “caput et mater” degli ordini Francescani di tutto il mondo. Allo scopo, la città è stata divisa in tre rioni, affidando a ciascuno dei quali l’autonomia organizzativa per iniziative di promozione sociale e di sfida con gli altri quartieri.
Il programma del Palio dei Rioni include rievocazioni storiche del 1800 con giochi, cortei, mostre, mercatini e taverna.
Dopo la presentazione del Palio, realizzato dall'artista Carlo Fabio Petrignani e donato alla cittadinanza come primo palio, la giornata inaugurale di venerdì ha visto la cerimonia di apertura con la benedizione dei vessilli.
Sabato, 9 gennaio, la festa è proseguita con la disfida dei muje (ragazzi) e la consegna al sindaco ff di Assisi Antonio Lunghi del tabarro, un tipico mantello veneto usato per ripararsi dal freddo, portato in dono dai rappresentanti del comune varesino di Concamarise. Alla consegna del tabarro è seguito lo scambio di doni con i priori delle rispettiva confraternite dei due comuni. Un gesto, questo, che ha voluto suggellare il gemellaggio della confraternita di Concamarise con l’associazione Priori serventi di Santa Maria degli Angeli di Assisi, entrambe legate al comune patrono Sant’Antonio Abate da Padova, protettore degli animali domestici e da cortile.
Ieri, domenica, giochi in piazza alla presenza di un folto pubblico, che ha assistito divertito alla disfida fra i rionali, tutti rigorosamente negli abiti d'epoca.

Nelle foto, gentilmente concesse da Fap Foto di Bastia Umbra, alcuni dei momenti più significativi delle giornate di festa.







Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2016 alle 03:29 sul giornale del 11 gennaio 2016 - 2230 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, santa maria degli angeli, piatto di sant'antonio, articolo, rioni de j'angeli, palio dei rioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asm2