Gualdo Tadino festeggia il Beato Angelo: ecco il calendario delle celebrazioni patronali

Gualdo Tadino 12/01/2016 - La città di Gualdo Tadino si prepara in queste ore alla sentita festa patronale del Beato Angelo. Il Capitolo della basilica concattedrale e la parrocchia hanno predisposto il programma della novena che prevede, sino al 13 gennaio, alle 17,30 il rosario e, alle 18, la celebrazione eucaristica con preghiera al Beato.

L’omelia ha come tema “Il Giubileo della misericordia”: la propone il padre Alberto dei frati di Porziano.
Giovedì 14 gennaio, alle 18, ci sarà la celebrazione del vespro con la cerimonia dell’offerta dell’olio per la lampada votiva da parte dell’amministrazione comunale; alle 21 la veglia di preghiera animata dai giovani; segue una fiaccolata che, muovendo dalla Basilica, si dirigerà al sacello del biancospino per assistere alla miracolosa fioritura in notturna; in contemporanea un’altra fiaccolata, organizzata dal Cai, parte dall’eremo di Capodacqua e ripercorre l’antico itinerario compiuto con la salma del santo eremita nel lontano 1324.
I due gruppi, solitamente molto numerosi, si ricongiungono di fronte al sacello, dove pregano insieme, ospiti della pro loco del Biancospino.
Venerdì 15 gennaio sante messe alle 6, 30, alle 7,15, alle 8, alle 9 e alle 10; alle 11,15 solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo diocesano monsignor Domenico Sorrentino; alle 16, la funzione del transito, alle 17,30 vespro e, a seguire, la messa.
In parallelo, nella mattinata di venerdì, alle 10, nella sala consiliare del municipio, alla presenza del vescovo, viene consegnato dal Comune il “Premio Beato Angelo”, che quest’anno è stato assegnato a Radio Tadino con questa motivazione: “Da quarant’anni entra nelle case, parla alla gente e vola nell’etere con la stessa anima libera del primo giorno”.

Previste anche targhe di riconoscimento con speciale menzione alla memoria del medico dottor Vincenzo Venarucci, perché “durante la sua carriera, ciò che più lo ha contraddistinto è stata la sua grande passione e dedizione al lavoro, che ha considerato come una missione, mettendosi sempre al servizio degli altri con grande spirito di umanità”.
Riconoscimento anche alla Società del Monte: “Fondata nel 1886, celebra quest’anno il suo 130° anniversario e rappresenta una delle più antiche istituzioni gualdesi. Sopravvissuta a due guerre, ha saputo rinnovarsi nel tempo mantenendo vivo lo spirito di associazione che contribuì alla sua costituzione”.
Menzione, infine anche per i Carabinieri di Gualdo Tadino “per la professionalità e lo spirito di dedizione che sempre contraddistingue gli uomini dell’Arma, con un particolare riconoscimento per il brillante recupero dell’antico Statuto di Gualdo e del Laudario della Confraternita dei Raccomandati, trafugati lo scorso anno”.

Nei giorni 14 e 15 la Basilica e la cripta restano aperti sino alle 21,30.


dalla Diocesi
Assisi, Nocera Umbra, Gualdo Tadino




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2016 alle 13:06 sul giornale del 13 gennaio 2016 - 534 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, diocesi di assisi nocera umbra gualdo tadino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asqk