Piatto di Sant'Antonio, insorgono gli animalisti: ''Prima benedicono gli animali, poi se li mangiano''

Piatto di Sant'Antonio 2012 13/01/2016 - “Prima benedicono gli animali e poi se li mangiano. Rasenta l'assurdo quello che accadrà domenica 17 gennaio ad Assisi dove nella chiesa di Santa Maria degli Angeli è prevista dapprima la benedizione degli animali e successivamente un pranzo a base di rigatoni al sugo di carne, e portate di carne di manzo ed agnello”.

È quanto si legge in una nota diffusa dall'AIDAA, l'Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente.
“Siamo assolutamente indignati per non dire di peggio - sottolinea Lorenzo Croce, presidente dell'associazione - che senso ha benedire gli animali e poi mangiarseli? Tutto questo poi assume un tono assolutamente sinistro se si pensa che avviene ad Assisi città di San Francesco e per giunta al pranzo parteciperanno anche le autorità civili e religiose, parlare di controsenso mi pare davvero il minino, per questo chiediamo senza mezzi termini che si modifichi il menù del pranzo - conclude Croce - e che ci si astenga dal mangiare la carne dei fratelli degli animali appena benedetti”.

Nella foto:
un bovino nella piazza di Santa Maria degli Angeli nella processione che precede il Piatto di Sant'Antonio



dall'Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-01-2016 alle 18:45 sul giornale del 14 gennaio 2016 - 1837 letture

In questo articolo si parla di ambiente, animali, attualità, santa maria degli angeli, piatto di sant'antonio, aidaa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/astg