Questione antenne, il dibattito anche in Regione: ''Troppe antenne vicine ai centri abitati''

Andrea Smacchi 14/01/2016 - Interrogazione del consigliere regionale del Pd Andrea Smacchi sul "moltiplicarsi di casi di installazione di stazioni radio nelle vicinanze di un centro abitato o in aree già sensibili dal punto di vista ambientale.

Per Smacchi si tratta di un "fenomeno preoccupante, che va monitorato con grande attenzione". Smacchi - in un comunicato del consiglio - spiega che la sua iniziativa "parte dai casi di Padule di Gubbio e di Assisi. A Padule di Gubbio - spiega il consigliere - un'azienda ha iniziato l'istallazione di una struttura di circa 30 metri di altezza in una zona già esposta dal punto di vista ambientale e vicino ad un centro abitato. Ad Assisi un comitato di cittadini sta cercando di impedire la realizzazione di un impianto simile in località Caminaccio, nelle adiacenze di una scuola".
Smacchi considera "opportuno che la Regione fornisca una fotografia dei Comuni che hanno predisposto un piano di emissioni per l'elettrosmog. E' necessaria - conclude - anche una valutazione della compatibilità delle istallazioni con l'ambiente circostante, nel caso in cui i Comuni abbiano rilasciato autorizzazioni in assenza di un organico piano delle emissioni".

dal Consiglio Regionale dell’Umbria




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-01-2016 alle 10:58 sul giornale del 15 gennaio 2016 - 338 letture

In questo articolo si parla di attualità, antenne, assisi, telefonia mobile, regione umbria, andrea smacchi, consiglio regionale umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asti