Bastia Umbra: il M5S incalza la giunta, ''Risolviamo il caso Gesenu''

Gesenu 26/01/2016 - Il Movimento 5 Stelle tramite il proprio portavoce in Consiglio Comunale Marcello Rosignoli ha ottenuto il consenso dell'assemblea affinché l'esecutivo intraprenda ogni possibile azione politica e legale volta alla risoluzione del contratto di gestione rifiuti con Gest S.p.a. o quantomeno alla sua revisione.

I recenti provvedimenti di interdittiva antimafia dell’ex prefetto di Perugia nei confronti delle soc. Gest S.p.a. e Gesenu S.p.a., hanno aperto una crepa importante nel consolidato sodalizio di interessi tutt’altro che pubblici, suggellato da un contratto a lunga scadenza (2024!) tra queste società ed i comuni dell'ATI 2, contratto che impedisce di fatto ai cittadini di avere un serio risparmio sulla TARI e una maggiore tutela dell’ambiente.
L’amministrazione bastiola ha votato favorevolmente la proposta, modificando tuttavia alcuni passaggi che potevano suonare come implicita ammissione di scarso impegno. Impegno che forse non è mancato pur se carente, a nostro parere, di efficacia!
Non così i consiglieri PD, rappresentanti di un’obsoleta macchina da guerra, retroguardia del gruppo dirigente perugino, architetto e costruttore dell’attuale “marchingegno rifiuti”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2016 alle 02:55 sul giornale del 26 gennaio 2016 - 345 letture

In questo articolo si parla di politica, gesenu, Movimento 5 Stelle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/asU1