Santa Maria degli Angeli, è ancora allarme per le polpette killer: cagnolino salvo per miracolo

Polpette avvelenate 1' di lettura 28/01/2016 - Ancora bocconi avvelenati per le strade di Santa Maria degli Angeli: la denuncia, putroppo l'ennesima, arriva ancora una volta dalle colonne del Corriere dell'Umbria, al quale una coppia di residenti angelani si è rivolta per segnalare la presenza di polpette killer potenzialmente mortali per gli amici a quattro zampe.

“Il nostro cagnolino cagnolino è salvo per miracolo”, riferiscono al quotidiano moglie e marito, residenti nella zona centrale della frazione angelana, compresa tra via della Repubblica, via Quintino Sella e via Cavour. “Di prima mattina - racconta la coppia - ha mangiato un boccone e siamo certi che ce ne siano altri. Le polpette sono di colore marrone, ne abbiamo recuperata una e consegnata al veterinario che è riuscito a salvare il nostro animale. Essendo marroni, i bocconi si mimetizzano, ma sono fatti di mangime per cani e lumachicida. Urgono verifiche e massima attenzione per tutti i proprietari di cani”.
Nella zona, già segnalata in passato per la presenza di polpette killer, diversi animali hanno purtroppo già pagato con la vita. Per questo i residenti chiedono maggiore vigilanza e controlli per arginare un fenomeno di incomprensibile crudeltà che la legge punisce severamente, con ammende e addirittura con l'arresto (secondo gli articoli 544-bis e 544-ter del Codice Penale), ma che troppo spesso resta purtroppo impunita.





Questo è un articolo pubblicato il 28-01-2016 alle 12:15 sul giornale del 29 gennaio 2016 - 1196 letture

In questo articolo si parla di cronaca, animali, redazione, assisi, santa maria degli angeli, bocconi avvelenati, polpette avvelenate, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/as19


Nate Poerio

29 gennaio, 09:03
La polizia dovrebbe trovare questa persona. Ogni anno c'è la stessa storia. Poi nel campo sotto Assisi dove tutti camminano con o senza cani i delinquenti rubano dalle macchine in continuazione. La polizia sa che lo fanno e non fanno niente.