Vini naturali: il 2020 inizia ad Assisi con i Viniveri

Vino,vini 3' di lettura 12/01/2020 - Si svolgerà domani presso l’Hotel Valle di Assisi dalle 10 alle 17 la terza edizione di Viniveri, la manifestazione promossa dall'omonimo Consorzio che riunirà circa 60 produttori per un totale di 200 etichette in degustazione

Filo conduttore della filosofia del Consorzio è quella di utilizzare un approccio produttivo sostenibile ed ecocompatibile, con l’obbiettivo di ottenere un vino in assenza di accelerazioni e stabilizzazioni, recuperando il miglior equilibrio tra l’azione dell’uomo ed i cicli della natura. Un modo di trattare la vite che si fonda sia con il territorio, che con un metodo del tutto artigianale di produzione, senza chimica in vigna e stabilizzanti in cantina, cercando di rispettare i cicli della natura aldilà delle logiche sempre più commerciali.

Un appuntamento dedicato agli addetti del settore, enotecari, ristoratori, sommeliers, appassionati e curiosi del vino che già nella scorsa edizione ad Assisi aveva avuto un ottimo successo. Il prezzo del biglietto è di 25 euro che include il calice di degustazione ed il libretto dell’evento.

Si potranno assaggiare dai grandi nebbioli del Piemonte, con le cantine di Cascina delle Rose, Cascina Fornace, al passito di Cerruti, il Barolo di Rinaldi e le altre eccellenze piemontesi di Laiolo, Rivella e Tirelli. Non mancheranno i Prosecco veneti delle cantine Ca’ Dei Zago e Case Coste Piane, il Raboso di Carolina Gatti o le etichette dipinte a mano dei vignaioli veneti della Fattoria La Costa.

Nutrita la rappresentanza del Friuli con la ribolla delle cantine La Castellada di Dario Princic e Ronco Severo o i vini calcarei del Carso con i produttori Skerlj, Vodopivec, Zidarich. Le bollicine dell’Emilia saranno invece rappresentate con le cantine di Angol dAmig, Crocizia, Podere Giardino, Podere Cipolla e TerraQuilia.

Per la Toscana e del Sangiovese e di tante espressioni del territorio ci saranno Le Calle, Pian del Pino, Pierini&Brugi, Podere Luisa, Poggo di Cicignano Simonetti e Vitae. Il territorio ascolano racconterà le Marche con le etichette di Maria Letizia Allevi, Irene Cameli, Maria Pia Castelli, Di Giacomi, Oasi degli Angeli, Clara Marcelli e Valter Mattoni.

Giocano in casa le etichette di Paolo Bea, Nenni e Raìna con il celebre Montefalco Sagrantino ma anche selezioni meno conosciute come lo Spoleto Doc.
Il vitigno cesanese delle cantine Milana, Noro e delle suore del Monastero Trappiste di Vitorchiano saranno presenti per il Lazio, mentre per l’Abruzzo Massetti e Prasedium.

Per la Campania le etichette di Casebianche e Zampaglione “Don Chisciotte”e dalla Sicilia il Censo, Grottafumata e il passito di Pantelleria di Ferrandes.

Infine la Francia con i vini di Philippe Pacalet e gli Champagne della zona di Châtillon-sur-Marne di Charlot Père & Fils.

Presenti anche produttori di eccellenze agroalimentari del territorio come Agrisperanza 1892, i salumi de i Fondi, il Birrificio dei Perugini, la Roveja di Civita di Cascia, lo zafferano di Ro.Lo. oltre a Valle Scannese con i formaggi bio dal Parco Nazionale d'Abruzzo.

Maggiori info http://www.viniveri.net/








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2020 alle 17:18 sul giornale del 13 gennaio 2020 - 166 letture

In questo articolo si parla di attualità, vino, vini, Marco Porcu, vini naturali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beWx