Assisi Mia: "Nella Città che soffre il Clero è il convitato di pietra"

5' di lettura 30/05/2020 - Chiacchierando per strada, un amico ci ha suggerito di occuparci (su Assisi Mia) del 2026, anniversario della morte di San Francesco e centenario della grande svolta (urbanistica prima di tutto) impressa da Arnaldo Fortini. Assisi cambiò e, soprattutto, sviluppò una diversa proiezione nel mondo.

A dire il vero avevamo già cominciato ad affrontare l’argomento (2026) organizzando 3 grandi assemblee, su macro-tematiche, quale preparazione ad un convegno da tenersi a novembre 2020, in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Tutto si è fermato a causa del blocco dovuto alla pandemia, ma certo abbiamo continuato a ragionare.

Fra gli aspetti che a nostro avviso dovrebbero impegnare l’amministrazione comunale da qui al 2026 vi è la rivitalizzazione del centro storico, a cominciare dal suo ripopolamento.

Non siamo esperti dell’argomento, per cui ci limitiamo suggerimenti, ipotesi di lavoro che poi andrebbero più seriamente analizzate e vagliate da chi ha competenze, strumenti e possibilità di intervento.

Dalle reazioni che abbiamo constatato sui social, ma anche attraverso il dialogo con molti conoscenti del centro storico, ci sembra che siano maturi i tempi per avviare un processo “rivoluzionario”, che porti a rilevanti cambiamenti.

Gli ultimi interventi di edilizia popolare, risalenti alla metà degli anni Ottanta furono realizzati nell’ex ospedale di via San Francesco e nell’edificio di Sant’Ildebrando. Ebbero un ottimo impatto sulla città, ma da allora nel centro storico non è stato più fatto nulla.

Le amministrazioni Bartolini e Ricci hanno visto bene di ignorare tutti i finanziamenti regionali per l’edilizia pubblica dei decenni scorsi, anche per evitare concorrenza agli imprenditori privati, loro generosi sostenitori.

Esistono importanti immobili entro le mura, sottoutilizzati o addirittura inutilizzati. Ne citiamo 3, ma diversi altri ce ne sono, di proprietà pubblica e privata.

Il primo è il Convitto nazionale, il secondo è l’hotel Excelsior in via Tiberio di Assisi (praticamente piazza del comune), il terzo è l’hotel Subasio.

Quest’ultimo negli ultimi 15 anni è stato saccheggiato e devastato, grazie anche a gestioni amministrative di scadente profilo. Si decida cosa farne, non è un problema solo dell’ente proprietario (istituti riuniti di beneficenza) ma è questione urgentissima che riguarda tutta la popolazione, quindi l’Amministrazione comunale. L’hotel Subasio ha ormai svanito il suo prestigio, il suo brand ha perso efficacia e a questo punto potrebbe essere trasformato in qualcosa di diverso. La sua invidiabile posizione lo rende adeguato ad essere ristrutturato ricavandone appartamenti di lusso, o comunque con i massimi comfort energetici e domotici. Vi sono vari problemi legati al vincolo ereditario e alla sua destinazione d’uso, ma questo bene pubblico non può rimanere inutilizzato e tantomeno continuare a essere depredato. Quindi necessitano decisioni veloci ed efficaci.

L’hotel Excelsior potrebbe essere riconvertito in immobile di edilizia popolare. Non ne conosciamo l’ampiezza ma sicuramente vi uscirebbero almeno una decina di appartamenti, ovvero un innesto di 30-40 residenti. E’ di proprietà privata, ma che interesse hanno i legittimi proprietari a tenerlo ancora inutilizzato? E il comune non potrebbe intraprendere un dialogo per coniugare interessi pubblici e privati e sottrarre al degrado e all’abbandono un bene così rilevante a 20 metri dalla piazza del Comune?

Il Convitto nazionale è di fatto molto sottoutilizzato. Sono almeno 30 anni che si discute del suo futuro. Ben vengano le scuole che vi trovano sede, ma alla fine occupano solo una porzione di questo enorme edificio. Anche in questo caso: che si aspetta ad avviare un confronto pubblico per deciderne la futura destinazione? Conviene ristrutturarlo o abbatterlo e costruire qualcosa di più funzionale? Edilizia popolare, complesso scolastico multidisciplinare, polo sportivo con campus o cos’altro?

Una nuova e virtuosa destinazione del Convitto, a cascata, imporebbe cambiamenti strutturali a tutta la parte alta, fino alla Piazza del Comune e, si spera, aiuterebbe a restituire dignità anche allo splendido Pincio. Per effetto domino tutta la città ne verrebbe trasformata.

In tutta questa vicenda - cioè la vita e la morte di Assisi - il convitato di pietra è il clero con il suo spropositato e spesso parzialmente inutilizzato patrimonio immobiliare.

Può il clero, la chiesa di Papa Francesco, che chiede dall’inizio del suo pontificato di aprire le porte alla gente, ai poveri, ai meno abbienti, far finta di nulla? Può il clero continuare a rimanere rinchiuso nei suoi conventi e monasteri e osservare con disincanto la morte della città, ormai dissanguata e abbandonata alle dinamiche spregiudicate del neo-liberismo?

Cosa racconterà questo clero ai giovani e agli studiosi che verranno a discutere dell’economia di Francesco in Assisi, il prossimo novembre?

Che messaggio darà la chiesa di Papa Francesco, dalla città di San Francesco, al mondo?

Come si giustifica il fatto che conventi e monasteri sono per la gran parte alberghi a tutti gli effetti? Perché la chiesa non si spoglia di quei beni e li dona alla città, ai suoi figli più poveri, che ne hanno un gran bisogno?

Come farete a parlare di povertà, di giustizia sociale, di redistribuzione delle ricchezze al mondo che verrà ad ascoltarvi?

“Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all'esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Così anche voi apparite giusti all'esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d'ipocrisia e d'iniquità.” (Dal vangelo di Matteo, capitolo 23, versetti 27 e 28)

Carlo Cianetti








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2020 alle 11:05 sul giornale del 01 giugno 2020 - 225 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, comunicato stampa, assisi mia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmO9