Terni: casa presa in affitto per confezionare cocaina, spacciavano 3 kg in 10 giorni. Arrestati 5 albanesi [FOTO]

3' di lettura 10/07/2020 - I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Terni hanno eseguito una misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Terni nei confronti di 5 cittadini albanesi per i reati di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

Gli arrestati sono sospettati di aver rifornito la piazza ternana di circa 3 kg cocaina in meno di due settimane, riuscendo a comprare, confezionare nella loro casa base e vendere 1 kg di cocaina per volta in pochissimi giorni.

Le indagini, portate avanti dagli uomini dell’Arma coordinati dal PM Dott. Marco Stramaglia e con la supervisione del Procuratore Dott. Alberto Liguori della Procura della Repubblica di Terni, sono partite sviluppando gli elementi investigativi emersi a seguito dell’arresto, effettuato da un equipaggio della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Terni nel marzo di quest’anno nel corso di un normale controllo, di un cittadino albanese trovato in possesso di 500 grammi di cocaina suddivisa in dosi e di 14.000 euro in contanti.

L’attività investigativa messa in atto, che dato il particolare periodo in cui è stata portata avanti è stata convenzionalmente denominata “Quarantena”, ha permesso di accertare che i 5 stranieri destinatari dell’ordinanza si occupavano di acquistare lo stupefacente nel nord Italia, di trasportarlo fino a Collescipoli dove, all’interno di un’abitazione appositamente affittata, procedevano a confezionare le dosi che immettevano senza soluzione di continuità direttamente sul mercato ternano.

L’illecita attività svolta all’interno di quell’abitazione, sita in una zona tranquilla e un po’ isolata di Collescipoli, monitorata dagli investigatori dei Carabinieri con alcune telecamere, è stata ulteriormente provata da una perquisizione svolta nei giorni scorsi nel corso della quale sono stati arrestati in flagranza i 5 albanesi ai quali venivano sequestrati poco più di 300 grammi di cocaina, tutto il materiale per il confezionamento delle dosi, vari bilancini di precisione e quasi 5.000 € in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio.

I cinque soggetti, ancora in carcere a Sabbione a seguito dell’arresto in flagranza, si sono visti notificare dai Carabinieri la misura cautelare in carcere riguardante fatti antecedenti all’arresto, scoprendo così di essere stati pedinati e controllati per giorni.

Quest’indagine conferma come sia fondamentale che le Forze di Polizia, con il supporto indispensabile dei cittadini e sotto la guida della Magistratura, continuino a monitorare attentamente il territorio per cogliere e sviluppare tutti i segnali di possibili attività illecite al fine di garantire a 360° un’efficace azione di contrasto alla diffusione del fenomeno del consumo e spaccio di sostanze stupefacenti.

Nelle foto allegate si possono notare: - Gli indagati portano all’interno dell’abitazione un panetto di cocaina del peso di un kg; - procedono a preparare il materiale per il confezionamento delle dosi da spacciare al dettaglio; - uno degli indagati versa il contenuto del panetto di 1 kg di cocaina su due vassoi, per poi procedere al confezionamento delle singole dosi unitamente agli altri indagati.








Questo è un articolo pubblicato il 10-07-2020 alle 10:18 sul giornale del 11 luglio 2020 - 181 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, arresto, cocaina, spaccio, umbria, terni, articolo, niccolò staccioli, Collescipoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqhp