Bastia Umbra: 25 novembre, PD, "Partire da una società paritaria, dall'autonomia e dal sostegno sociale. Ecco le nostre proposte per Bastia"

4' di lettura 25/11/2020 - Mercoledì, 25 novembre, celebriamo la Giornata contro la violenza sulle donne. In questo periodo così complesso, dobbiamo ricordarci che parallelamente alla pandemia da Covid 19 esiste anche una “pandemia silenziosa”, caratterizzata da una serie di eventi violenti taciuti, tenuti celati e spesso perpetrati all’interno delle mura domestiche.

Il quadro normativo in Italia contro la violenza di genere ha compiuto alcuni passi avanti negli ultimi anni, ma nonostante questo il numero dei femminicidi e delle violenze non sembrano calare. In più ci troviamo di fronte al fatto che le donne denunciano e poi muoiono lo stesso per mano del carnefice che hanno denunciato alle autorità. In questo cortocircuito della violenza di genere c’è qualcosa che non sta funzionando. Dunque appare evidente che la norma è necessaria, ma NON SUFFICIENTE; serve anche promuovere cultura e formazione.

La cultura è necessaria per eliminare quei pregiudizi che sono radicati dentro ad ognuno di noi e per abbattere quegli stereotipi inconsci che non ci permettono di interpetrare e riconoscere la verità dei fatti in maniera oggettiva. Infatti, secondo i dati Istat, ad oggi più della metà degli Italiani crede che le donne che hanno subìto violenza siano corresponsabili o che la vittima “se la sia cercata”.

La formazione è indispensabile per avere operatori specializzati (in ambito sociale, psicologico e sanitario) che possano collaborare in rete, per riconoscere precocemente anche le forme più subdole di violenza.

Oltre alle denunce e alle testimonianze, serve COSTRUIRE una SOCIETÀ PARITARIA partendo dall’autonomia lavorativa delle donne e dal sostegno sociale.

Per ottenere ciò e dare un segnale di vicinanza a tutte le donne del territorio, il Gruppo Consiliare del PD ha formulato, in occasione della riunione del Tavolo Tecnico Pari Opportunità del Comune di Bastia, alcune proposte che sono state ben accolte dal Sindaco e dagli altri componenti del Tavolo.

CREAZIONE DI UN GRUPPO DI “MAMME PEER”: creare un gruppo di sostegno di “mamme alla pari”, alcune delle quali adeguatamente formate da specialisti (Ostetrici, Pediatri, Psicologi), che siano in grado di dare consigli adeguati e scientificamente corretti alle altre mamme. Questa iniziativa accoglierebbe il desiderio delle madri “più esperte” di aiutare altre donne della comunità, con maggiore consapevolezza, soprattutto in questo momento di crisi pandemica in cui la rete familiare e sociale è inesistente. Le mamme peer non offrono un aiuto di tipo sanitario, ma consigli competenti in caso di dubbi o difficoltà durante la gravidanza, l’allattamento e l’alimentazione del nuovo nato. Inoltre dovrebbero essere perennemente in contatto con le figure di riferimento sopra citate per poter segnalare eventuali problematiche necessarie di approfondimento specialistico.

ISTITUZIONE DI UN ALBO DELLE BABY SITTER COMUNALE: per consentire alle famiglie di contattare direttamente le baby sitter, sia per servizi occasionali che per attività continuative, si è proposto di creare un “albo delle baby sitter” (preferibilmente reclutando persone residenti nel Comune di Bastia) del quale i cittadini possano usufruire. Si tratterebbe di un'azione di supporto concreto alle necessità delle famiglie, non solo quale opportunità di occupazione e custodia dei propri bambini in questo eccezionale momento di contrasto alla diffusione del virus Covid-19, ma come più ampia ed articolata opportunità di soluzione della conciliazione tempo-lavoro-vita domestica, che soprattutto le donne sono costrette ad affrontare.

BONUS DEI NUOVI NATI NELL’ANNO DELLA PANDEMIA: in vista delle festività natalizie e non solo, si è avanzata l’idea di garantire un aiuto economico una tantum ai bambini della comunità di Bastia nati nel 2020 e alle loro famiglie. È una misura che dimostrerebbe vicinanza alle famiglie che hanno neonati al loro interno, venuti al mondo nel drammatico anno della pandemia, oltre che di supporto alla natalità e alla genitorialità.

Dunque, con queste iniziative il nostro intento è quello di COSTRUIRE una CITTA’ A MISURA DI DONNA, creando una rete sociale e territoriale funzionale, che abbia anche lo scopo di rafforzare l’autonomia a la consapevolezza femminile, creando un argine contro la brutalità della violenza di genere.

Consigliere Comunali PD Luisa Fatigoni e Ramona Furiani








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2020 alle 13:10 sul giornale del 26 novembre 2020 - 184 letture

In questo articolo si parla di attualità, pd, bastia, bastia umbra, pd bastia, pd bastia umbra, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDnC





logoEV
logoEV