Claudia Maria Travicelli: "Sia ogni giorno il 25 novembre..."

4' di lettura 26/11/2020 - Il 25 novembre si festeggia la  “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”. Questa giornata paradossalmente si è aperta con due femminicidi consumatisi nella notte.

Il primo è il ritrovamento del cadavere accoltellato di una donna di 51 anni sulla scogliera di Pietragrande nel comune di Salettì (CZ) scomparsa martedì, arrestato mercoledì mattina il reo confesso compagno 36enne. Il secondo, solo in linea temporale, è avvenuto a Cadoneghe (PD) dove un uomo 40ene nella notte ha ucciso la propria moglie accoltellandola. Tale ricorrenza si apre proprio nella maniera peggiore è con grande tristezza. Tale giornata fu introdotta dall’assemblea dell'Onu nel 1999, in ricordo di un fatto di sangue, con sacrificio delle sorelle Patria, Minerva e María Teresa MIRABAL, brutalmente torturate ed uccise dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo in Repubblica Dominicana il 25 novembre del 1960. Tale giornata fu istituita dall’Assemblea delle nazioni Unite il 17 dicembre del 1999 con la risoluzione 54/134. Il simbolo della ricorrenza più utilizzato, le scarpe rosse, fu ideato nel 2012 dall’artista messicana Elina Chauvet con l’opera “Zapatos Rojas”. Anche se quest’anno in Italia è stato scelto come simbolo una panchina rossa.

Fatto questo breve excursus, entriamo nel merito della questione.
Dopo il 21 novembre “Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza”, arriva la ricorrenza di oggi in un momento triste e di grande incertezze, voglio ringraziare per il loro impegno continuo il Punto d’Ascolto della Zona Sociale 3, Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara e Valfabbrica, finanziato dai cinque Comuni, che come hanno ha voluto organizzare tale giornata. Naturalmente, come sempre accade alla fine di queste manifestazioni, penso ad un vecchio adagio popolare, “Finita la festa, gabbato lo Santo”.
Ricordare è bene, seppur in maniera strampalata come è usanza per taluni, più importante è combattere sul campo. Non basta un seppur necessario ed importante il lavoro dei “Punto di Ascolto” dislocati in tanti territori, ma occorrono ad ogni livello politiche attive sulla questione violenza sulle donne ed ogni tipo di violenza.

Per violenza, infatti, non si intende solo quella fisica, odiosa e vigliacca, ma anche quella più sottile e silente, che è quella psicologica. La quale fa meno rumore e non riempie i notiziari. È una violenza più subdola, che si insinua non solo nell’ambito famigliare o delle convivenze o degli affetti, ma anche nei luoghi di lavoro. Essendo appunto spesso rilegata nel profondo di chi la subisce, spesso per necessità, il poter perdere un lavoro, è quindi meno clamorosa. Ma chi per la subisce è una sofferenza grande. Spesso una agonia.
La violenza sulle donne, specialmente quella fisica, in questo ultimo periodo di pandemia, in seguito a forzate convivenze imposte dal lockdown, è aumentata in maniera straordinaria, triplicati i femminicidi, secondo i numeri resi noti il 24 novembre dal Ministero degli Interni.

È violenza contro le donne anche la disparità tra i sessi, specialmente per quanto riguarda il lavoro, non solo sul lavoro, ma del lavoro che non c’è. Sempre sul Sole 24 Ore di ieri questa problematica è stata ampliamente discussa e portata alla luce. In questo periodo di pandemia, riporta l’autorevole quotidiano economico, sono state proprio le donne a pagare il prezzo più alto, perché spesso costrette a “lavoretti” (quasi sempre in nero) e che quindi non ricadono nelle statistiche ufficiali. Come la disparità di trattamento economico a parità di lavoro svolto.

È violenza contro le donne, non dare seguito ai pomposi proclami che si fanno in queste occasioni, anche dalle Amministrazioni Comunali. Selfie e presentazioni di libri non servono a risolvere, semmai a sensibilizzare. Anche dal basso che si può procedere per cambiare una bestiale cultura (maschilista), che poi per gran parte è alla base di queste violenze. Sia ogni giorno il 25 Novembre, non ci si fermi ai proclami o alle parole pronunciate in questa giornata, si dia seguito con capitoli economici dedicati e con leggi serie e politiche concrete. Non ci si servi di questi argomenti in campagna elettorale e poi ci si dimentichi il giorno dopo, come in tanti fanno. La politica si deve interessata seriamente a tali gravi tematiche e non lasciare sole le tante donne, ragazze e bambine che ogni giorno soffrono e non hanno il coraggio di denunciare.


da Claudia Travicelli
Gruppo consiliare Democratici e popolari per Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2020 alle 11:04 sul giornale del 27 novembre 2020 - 192 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, claudia travicelli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDvY





logoEV
logoEV