Il Tar respinge il ricorso delle educatrici del Serafico

istituto serafico di assisi 1' di lettura 05/08/2010 -

Respinto dal Tribunale Amministrativo Regionale il ricorso delle tre educatrici dell'Istituto Serafico per ciechi e sordomuti di Assisi. Il loro punteggio finale nelle graduatorie per l'insegnamento scolastico non teneva conto dell'attività svolta presso l'Istituto Serafico di Assisi. Il Tar sentenzia: "non erano in possesso del titolo di studio richiesto dalla normativa".



Tre docenti hanno svolto attività continuative di assistenti ed educatrici presso il Serafico nel periodo compreso tra il 1995 e il 2007, ma il servizio prestato in questi dodici anni non è stato tenuto in considerazione ai fini del punteggio finale nelle graduatorie ad esaurimento.

Il Tar ha respinto tuttavia il ricorso delle tre insegnanti, non mettendo in discussione “l’equiparazione tra il ‘servizio di insegnamento’ ed il ‘servizio prestato dal personale educativo’, [...] bensì la necessità che, ai fini dell’attribuzione del punteggio, anche gli assistenti-educatori fossero in possesso, al momento del servizio, del titolo di studio richiesto per l’insegnamento”.

In altre parole, “pur avendo prestato servizio quali assistenti-educatori”, le insegnanti “non erano in possesso del titolo di studio che la normativa, vigente all’epoca delle nomine, richiedeva per potersi iscrivere nelle graduatorie della scuola materna ed elementare”.






Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2010 alle 18:13 sul giornale del 06 agosto 2010 - 1068 letture

In questo articolo si parla di scuola, disabili, attualità, servizi sociali, assisi, insegnamento, sara caponi, istituto serafico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aZL





logoEV
logoEV