Bastia - La maggioranza è favorevole alla riconversione degli ex allevamenti

allevamenti suinicoli 2' di lettura 08/09/2010 -

La maggioranza, riunitasi per dibattere sull’annosa questione degli allevamenti suinicoli, si è mostrata concorde nella possibilità di trovare destinazioni alternative per gli allevamenti esistenti, anche alla luce della morfologia del territorio bastiolo, che non consente di mantenere allevamenti zootecnici.



«I rappresentanti della maggioranza che sostiene la Giunta di centrodestra di Bastia Umbra (amministratori comunali, dirigenti dei partiti e delle liste elettorali) si sono riuniti per iniziativa del sindaco Stefano Ansideri, che li ha invitati ad esaminare il problema degli allevamenti nel territorio comunale.

Il problema è sul tappeto da oltre un anno, quando è stata aperta un’inchiesta penale sulla gestione del reflui provenienti dalle stalle dei suini, ma in realtà esiste da molti anni e precisamente da quando negli anni ’80 lo sviluppo degli allevamenti zootecnici ha posto il problema molto serio di pesanti conseguenze ambientali. Oggi rispetto ad alcuni anni fa, la presenza di tali allevamenti nel territorio comunale si è molto ridotta, tuttavia le problematiche ad essi connesse devono essere affrontati in tutta la loro complessità: economica ed ambientale. Soluzioni possibili non sono state proposte al Comune dalle altre istituzioni territoriali competenti in materia.

Il dibattito è stato approfondito ed ha visto gli interventi di tutti i presenti che, alla fine, hanno concordato su alcuni specifici obiettivi: la salvaguardia dell’ambiente, considerando indispensabile anche l’eliminazione dei cattivi odori, e la tutela degli interessi economici delle aziende zootecniche.

Per questi motivi è stato conferito al Sindaco Ansideri, che ha illustrato i diversi aspetti della problematica in questione, il mandato di approfondire l’argomento e individuare un percorso amministrativo per arrivare a rendere effettivi gli obiettivi fissati. È naturale che nessun atto amministrativo potrà impedire ad un imprenditore di realizzare una stalla nel territorio comunale, purché siano realmente applicate le regole di tutela ambientale fissate dalla normativa vigente.

È altrettanto vero che un Comune come Bastia Umbra di 27 km quadrati, una densità demografica di 750 abitanti per km quadrato e la prospettiva che in pochi anni dagli attuali 22mila residenti si possa arrivare a 30mila, lascia pochi spazi per consentire il mantenimento di allevamenti zootecnici e non solo di suini, ma anche di altri animali.

Tenuto conto di tutte queste considerazioni e della realtà del territorio, l’amministrazione comunale, d’ora in avanti, si muoverà per individuare soluzioni possibili per la trasformazione ad altre destinazioni d’uso delle strutture degli allevamenti esistenti nel territorio comunale.

“La cancellazione di tali attività produttive – ha rilevato il Sindaco Ansideri – con un “semplice colpo di spugna” sarebbe un atto arbitrario e perfino inefficace, se non fosse accompagnato da una cornice di regole e da effettive possibilità alternative che saranno per noi ipotesi di lavoro giù a partire dalle prossime settimane”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-09-2010 alle 20:40 sul giornale del 09 settembre 2010 - 601 letture

In questo articolo si parla di attualità, bastia umbra, comune di bastia umbra, laguna de cerdos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bV1