Assisi - Ricci sui pozzi inquinati: inutili allarmismi, la polemica è un espediente pre-elettorale

claudio ricci 1' di lettura 26/09/2010 -

Il sindaco di Assisi Claudio Ricci, in seguito all’allarme sugli elevati livelli di inquinamento da trielina nei pozzi privati, lanciato nuovamente durante l’assemblea di Torchiagina, ribadisce che la situazione è monitorata dal 2009 e sotto controllo.



Pur comprendendo le “esigenze di mostrarsi per la prossima campagna elettorale” non riteniamo apportino che, alcuni partiti di opposizione, continuino a “creare allarmismi” su un tema come quello dei pozzi inquinati.

Come già comunicato nei giorni scorsi “tutte le ordinanze sindacali”, ritenute necessarie dagli organi sanitari competenti, sono state firmate.

A Torchiagina, come in tutto il territorio, l’acqua è di “ottima qualità” ed è fornita dalla Rete di Acquedotti che verrà ulteriormente implementata anche nelle zone di campagna in particolare a Capodacqua e Rivotorto.
L’inquinamento rilevato riguarda “alcuni pozzi privati in zona agricola”, le cui sostanze inquinanti risalgono a molti anni fa e sono connesse anche con i concimi utilizzati, in passato, in agricoltura.

Solo in pochi casi, di cui uno a Torchiagina, sono state rilevate “sostanze inquinanti pesanti”, comunque inferiori ai limiti massimi, e tutte le Istituzioni quali Regione, Comune, Provincia e Autorità Sanitarie stanno monitorando, dal dicembre 2009, la situazione.

Ci auguriamo che la “normale dialettica politica” si sposti sui ”tanti argomenti possibili per lo sviluppo del territorio “evitando di creare eccessivi allarmismi” totalmente ingiustificati.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-09-2010 alle 18:17 sul giornale del 27 settembre 2010 - 613 letture

In questo articolo si parla di assisi, claudio ricci, torchiagina, comune di assisi, inquinamento pozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cA5





logoEV
logoEV