SEI IN > VIVERE ASSISI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Assisi - Tutto francescano il podio dei santi preferiti dagli italiani

2' di lettura
1388

san francesco

Il sacro convento di Assisi commenta con entusiasmo l’indagine di casa.it, secondo la quale sono tutti francescani i tre santi preferiti dagli italiani. Apprezzamento degli internauti per il “tuffo” religioso nel web: migliaia i contatti al sito e alla pagina facebook dedicata al santo patrono d’Italia.

Assisi, ottobre 2010 – Oltre 5.000 amici in pochi giorni, su Facebook, per San Francesco, tanto che i frati di Assisi hanno aperto una seconda pagina dedicata al santo. Di questa “sete di Dio”, i francescani trovano riscontro anche nelle numerose richieste (un centinaio al giorno negli ultimi mesi) della rivista San Francesco patrono d’Italia. E commentando gli esiti del sondaggio di Casa.it, il direttore della rivista, padre Enzo Fortunato, osserva: “Sono tutti francescani i tre santi preferiti dagli italiani”.

Dall’indagine risulta che il 71% degli italiani ha in casa un’immagine di padre Pio. Al secondo posto, Sant’Antonio, al terzo San Francesco.

“Apprendiamo con gioia – ha detto padre Fortunato – che sono tre santi francescani. Ci accorgiamo inoltre come il padre, San Francesco, abbia dato spazio ai figli”.
“È evidente – ha proseguito il direttore della rivista San Francesco patrono d’Italia, ancora a commento del sondaggio – che questo è indice di un profondo senso religioso, in particolare, ed è la sorpresa più bella, nella fascia tra i 30 e i 39 anni di età. Di tutto questo, di questa profonda fede che in fondo è sete di Dio, ce ne stiamo accorgendo anche noi attraverso le richieste continue della rivista San Francesco patrono d’Italia che giungono sul nostro sito www.sanfrancesco.org”.
“La rivista arriva nelle scuole – ha ricordato padre Fortunato – ed è molto attenta alle nuove tecnologie: è infatti la prima cattolica ad utilizzare il sistema QrCode”.



san francesco

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2010 alle 16:57 sul giornale del 27 ottobre 2010 - 1388 letture