Perugia: regolarizzava clandestini in cambio di denaro, denunciato bastiolo

colf e badanti 2' di lettura 02/12/2010 -

Perugia, 14 denunce per false assunzioni di immigrati clandestini: gli extracomunitari pagavano fino a 1.500 euro sperando di potersi regolarizzare. Finito nel mirino dei Carabinieri anche il titolare di un internet-point di Bastia Umbra, che avrebbe collaborato nello svolgimento delle pratiche.



Un traffico di false assunzioni come colf e badanti per regolarizzare cittadini extracomunitari clandestini in cambio di somme fino a 1.500 euro. I carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Perugia hanno denunciato alla procura 14 persone ritenute colpevoli di aver inoltrato al ministero dell'Interno falsa documentazione attestante rapporti di lavoro in verità inesistenti. Le ipotesi di reato vanno dal falso al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina a scopo di lucro, alla truffa.

Tra le persone denunciate figurano anche un consulente del lavoro di Perugia, un medico di Foligno e un avvocato di Napoli, nonché il titolare di un internet-point di Bastia Umbra, che avrebbero collaborato nello svolgimento delle pratiche.

Le indagini hanno portato alla luce la realtà delle legalizzazioni facendo emergere situazioni anche curiose, come quella dei rapporti di lavoro intestati a persone ormai defunte o quella dell'utilizzo di documenti denunciati come smarriti intestati però a soggetti inconsapevoli, dichiarati per l'occasione datori di lavoro, oppure utilizzando false attestazioni mediche. Singolare anche il caso di un perugino risultato coinvolto in ben 20 pratiche di emersione.

I militari hanno condotto prolungate indagini, per oltre un anno, che hanno permesso di appurare l'esatta dinamica delle comunicazioni informatiche risalendo agli effettivi mittenti delle comunicazioni on-line, riscontrando l'inesistenza di fatto dei rapporti denunciati che davano titolo alla legalizzazione. L'esito degli accertamenti ha consentito così il respingimento di 29 pratiche di emersione relative ad altrettanti cittadini stranieri, risultati per lo più di origine magrebina, asiatica e sudamericana.


(Fonte: Adnkronos)






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2010 alle 05:38 sul giornale del 02 dicembre 2010 - 669 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, truffa, immigrazione, perugia, badanti, bastia umbra, redazione vivere assisi, colf

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/e2S