Bastia: commissione edilizia, Livieri contro Brozzi

urbanistica 2' di lettura 15/12/2010 -

L’assessore con delega all’urbanistica Luca Livieri respinge le accuse del segretario PD Vannio Brozzi in merito alla Commissione qualità architettonica e per il paesaggio. Livieri ne sostiene, infatti, la legalità e l’utilità nella funzione di verifica, in linea con il programma elettorale.



«Il segretario del Pd Vannio Brozzi ha sollevato un gran polverone in materia di urbanistica ed edilizia, volto più a richiamare l’attenzione su di sé che a evidenziare problemi reali.
È arrivato addirittura ad accusare di atti illegali l’amministrazione comunale per i comportamenti della cosiddetta ‘Commissione edilizia’ e, in particolare, il fatto che la ‘Commissione per la qualità architettonica e il paesaggio’ (questo il suo nome effettivo) si sarebbe permessa di intervenire nel merito dei progetti edilizi presentati, cosa che, secondo Brozzi, sarebbe ammissibile solo nei casi riguardanti l’applicazione dei vincoli previsti dalla legge 1497.
L’ignoranza della normativa vigente non è ammissibile, in particolare da parte di coloro che salgono in ‘cattedra’ per discettare in materia politico-amministrativa, come ha fatto Vannio Brozzi, uscendo dal seminato.

Questa accusa è destituita di ogni fondamento – rileva l’assessore comunale all’urbanistica Luca Livieri – perché non tiene conto che il consiglio comunale di Bastia Umbra, nell’istituire la nuova commissione, ne ha esteso le competenze con l’intento di verificare a 360 gradi la validità dei progetti presentati prima della definitiva approvazione.
Avremmo potuto limitare le competenze ai siti naturalistici e ai centri storici, ma le abbiamo deliberatamente ampliate almeno per il primo anno di applicazione”.

Non risponde al vero, peraltro, neanche l’osservazione, sollevata nel corso dell’assemblea del Pd, secondo cui le pratiche edilizie subiscono ritardi a causa dell’esame consultivo della commissione per la qualità.

“Il nostro obiettivo – conclude Livieri – di coinvolgere, nella fase di avvio, tutti i rappresentanti degli ordini e dei collegi professionali ha lo scopo di ampliare il lavoro della commissione volendo dare, con tale attività di verifica, un contributo costruttivo al miglioramento della qualità architettonica dei progetti edilizi, impegno che avevamo assunto con la cittadinanza nella campagna elettorale-amministrativa.
Alla fine dell’anno di applicazione, nella primavera del 2011, faremo le necessarie valutazioni sul lavoro della Commissione, in base alle quali si deciderà sulle eventuali modifiche”.»






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2010 alle 15:58 sul giornale del 16 dicembre 2010 - 678 letture

In questo articolo si parla di urbanistica, edilizia, politica, bastia umbra, comune di bastia umbra, luca livieri, vannio brozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/fue