Bastia: new slot al centro di un convegno sui rischi dei giochi in denaro

new slot 1' di lettura 15/12/2010 -

I giochi con premi in denaro sono un rischio sociale? Giovedì, alle ore 20:45 presso la sala del consiglio dell’edificio comunale di Bastia Umbra, un convegno con esperti e amministratori locali per confrontarsi con i cittadini soprattutto sulle conseguenze derivanti dall’abuso delle ‘new slot’.



«È in programma per giovedì 16 dicembre 2010, alle ore 20:45 nella sala del consiglio comunale, il convegno voluto dal sindaco Stefano Ansideri per un’approfondita riflessione sul tema “Uso e abuso dei giochi con premi in denaro”.

Al centro del confronto pubblico, con esperti e studiosi della materia, saranno in particolare le ‘new slot’, le macchinette elettroniche che, in alcuni casi, sono diventate fonti e causa di pesantissime difficoltà economiche e sociali per i diretti interessati, con effetti devastanti sulle loro famiglie.

L’incontro verrà aperto con i saluti del sindaco Ansideri. La prima relazione è della dottoressa Immacolata Tomay, presidente dell’Ordine degli psicologi della Regione Umbria; seguirà l’intervento del dottor Alberto Bellocchi, magistrato e presidente della Fondazione umbra contro l’usura; quindi il dottor Riccardo Maestrelli e l’avvocato Massimiliano Pucci, rispettivamente componente e presidente del Comitato dell’Associazione Assotrattenimento.

Interverranno anche amministratori locali: il sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri e l’assessore del Comune di Empoli Filippo Torrigiani, che illustrerà l’esperienza del Comune toscano con l’iniziativa ‘Città educativa’.

Gli interventi e il dibattito saranno coordinati dal dottor Giuseppe Castellini, direttore de Il Giornale dell’Umbria.»






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2010 alle 17:04 sul giornale del 16 dicembre 2010 - 572 letture

In questo articolo si parla di attualità, stefano ansideri, new slot, bastia umbra, comune di bastia umbra, gioco d'azzardo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/fvf