Assisi: Sinistra Critica, ''La politica non speculi su Rocca Sant'Angelo''

sinistra critica small 2' di lettura 19/12/2010 -

Anche Sinistra Critica si schiera dalla parte dei cittadini di Rocca Sant’Angelo e zone limitrofe, che si battono contro la modifica, prevista dal Piano regolatore, di una zona agricola di alto pregio paesaggistico in zona edificabile o estrattiva.



«Lunedì 20 dicembre il consiglio comunale di Assisi dovrà esaminare tra le varie osservazioni al Prg anche quella riguardante Rocca S.Angelo, presentata da 60 cittadini della zona, dove alcuni ettari di terreno da sempre area agricola di pregio sono stati destinati ad altra destinazione possibile tra cui quella di cava o edificabile.

Sinistra Critica manifesta la sua più totale contrarietà alla scelta fatta con l’adozione del nuovo Piano Regolatore Generale e condivide in toto le ragioni dell’osservazione dei cittadini che si sono costituiti in “Comitato per la tutela dell’area dei castelli di Rocca S.Angelo, Sterpeto e San Gregorio” e chiede a tutti i consiglieri comunali di valutare attentamente il documento proposto e votare favorevolmente.

Questo anche perché nel modificare la situazione di un’area di consistente valore paesaggistico, inclusa dall’Unesco tra quelle di massimo rispetto ambientale, non è stato fatto alcun momento partecipativo con la popolazione per spiegare le motivazioni di tale scelta che a nostro avviso risponde esclusivamente ad interessi privati e non certo collettivi, con gravi danni per la comunità.

Infatti Rocca S.Angelo e le zone limitrofe hanno altre esigenze e problemi che hanno bisogno di risposte, ma che l’amministrazione comunale di Assisi si guarda bene dall’affrontare:

1) moltissime famiglie non hanno l’acqua pubblica, ma solo pozzi privati, in una zona per altro a rischio contaminazione;
2) moltissime famiglie non hanno accesso alla rete del metano;
3) manca totalmente la toponomastica con i relativi problemi;
4) Rocca S.Angelo è in stato di abbandono e va recuperata a cominciare dalla chiesa, ma non ci sono investimente pubblici in questa direzione;
5) da anni viene chiesto lo spostamento del monumento ai Caduti ma nulla si fa;
6) occorre un progetto di valorizzazione culturale e turistica del territorio, vista la sua vera vocazione, anche per la particolarità di 3 castelli viciniori con quello di S.Gregorio e Sterpeto ma non si vede nulla perché nulla si sta facendo;
7) occorre potenziare l’illuminazione pubblica:
8) manca un’adeguata manutenzione delle strade.

Questo è ciò che serve a Rocca S. Angelo e non una cava o una lottizzazione che serve solo a rapinare e deturpare il territorio.

Quindi invitiamo tutti i consiglieri comunali di maggioranza ed opposizione a valutare bene tutto questo e rispondere alle richieste dei cittadini ed agli interessi generali e non alle speculazioni dei singoli concordate con quelli della politica.»


da Sinistra Critica
Sezione di Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-12-2010 alle 15:18 sul giornale del 20 dicembre 2010 - 696 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, piano regolatore generale assisi, prg assisi, sinistra critica assisi, rocca sant'angelo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fEc