Bastia: crisi degli allevamenti al centro di ''Natale con il Maiale''

natale con il maiale 3' di lettura 19/12/2010 -

L’iniziativa, promossa dal consigliere regionale Gianfranco Chiacchieroni e dall’assessore provinciale Roberto Bertini, si è tenuta sabato 18 dicembre ed è stata promossa per discutere i problemi legati all’allevamenti suinicoli e la profonda crisi che il settore sta attraversando.



Un settore tradizionalmente strategico per l’economia umbra, ma che sta attraversando un momento difficile.
La seconda edizione di “Natale con il maiale” che si è svolta sabato 18 dicembre, al centro fieristico Umbriafiere di Bastia, è stata un’occasione per porre sotto i riflettori le problematiche legate all’allevamento dei suini in Umbria, un’eccellenza della regione che sta attraversando una crisi tale da mettere in ginocchio non solo gli allevatori ma tutti gli operatori della filiera produttiva.

L’iniziativa, promossa dal consigliere regionale Gianfranco Chiacchieroni e dall’assessore all’agricoltura della Provincia di Perugia, Roberto Bertini, ha riunito tutti gli operatori del settore e della filiera zootecnica per promuovere i prodotti, per discutere dei problemi e per trovare delle soluzioni, attraverso incontri, convegni, dibattiti.

“A un anno di distanza – ha spiegato Chiacchieroni si tiene la seconda edizione di questa manifestazione dedicata ai diversi operatori della filiera suinicola. È un momento di approfondimento delle tematiche relative alla qualità, alla commercializzazione e all’allevamento, con una particolare attenzione alle problematiche legate non solo al prezzo del mercato ma anche all’equilibrio tra la suinicoltura e la tutela ambientale. È un tema difficile che stiamo affrontando grazie anche all’impegno delle istituzioni.
Una soluzione a questi problemi c’è
– ha sottolineato – ed è quella della qualità, che significa allevare bene e fare prodotti di qualità che siano più salutari possibili”.

“La suinicoltura – ha aggiunto Bertini è un’eccellenza del nostro territorio che la Provincia sta promuovendo con diverse iniziative. Si tratta di un settore in difficoltà che va assolutamente regolamentato perché possa svolgere un ruolo strategico nella nostra economia, prestando però particolare attenzione alla tutela dell’ambiente. L’enogastronomia – ha concluso – è una risorsa fondamentale della nostra regione che attrae numerosi turisti anche per questo, e che può diventare, con politiche mirate, ristorante d’Italia”.

La giornata è proseguita offrendo importanti momenti di riflessione con esperti, tecnici e imprenditori del settore, agronomi e docenti delle facoltà di economia e chimica dell’Università di Perugia.

I lavori si sono aperti, alle 9, nella sala congressi del centro Maschiella con un incontro dal titolo “L’allevamento: una delle principali risorse della nostra regione” durante il quale è stato illustrato il progetto della Comunità montana associazione dei Comuni Trasimeno Medio Tevere sulla valorizzazione di una filiera umbra del suino di qualità attraverso la DOP.

“Natale col maiale” è proseguito, poi, con un momento dedicato ai “Diversi modi di concepire l’allevamento”, durante il quale si sono affrontati temi legati alla contrattualistica del settore suinicolo e dell’allevamento allo stato brado.

Depurazione e ambiente sono stati, invece, al centro del terzo momento di confronto della giornata, in cui si è parlato delle nuove frontiere di questa attività, dell’utilizzo agronomico dei reflui, dell’allevamento a impatto zero e della comparazione con i sistemi utilizzati in altre regioni.

Le conclusioni della giornata sono state dedicate alle nuove prospettive per il rilancio del settore suinicolo con un focus su “Proposte per allevamenti sempre più moderni e per incentivare gli investimenti del settore: il connubio tra allevamento e fotovoltaico” e un altro momento su “Problemi e prospettive del trasporto di animali vivi”.

Presenti, tra gli altri, l’assessore regionale all’ambiente, Silvano Rometti, il consigliere regionale Massimo Mantovani, alcuni amministratori locali e rappresentanti delle associazioni di categoria Apa, Cia, Coldiretti e Confagricoltura e dirigenti regionali di Arusia, Arpa e Asl.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-12-2010 alle 15:18 sul giornale del 20 dicembre 2010 - 2500 letture

In questo articolo si parla di attualità, umbria, regione umbria, bastia umbra, allevamenti suinicoli, umbriafiere, natale con il maiale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fEd