Bastia: approvato il bilancio 2011. Tasse invariate ma asili più cari

bilancio 4' di lettura 29/12/2010 -

Nonostante le imposizioni dettate dal 'patto di stabilità' imposto dal Governo centrale, l'assessore Roscini ha presentato un bilancio sostanzialmente in parità, accolto con plauso e approvato dalla maggioranza. Ansideri: "Gettate le basi del cambiamento".



«Presentato al Consiglio comunale di martedì 28 dicembre il bilancio preventivo 2011 del Comune, che è stato approvato a maggioranza: favorevoli i gruppi di centrodestra, contrario il centrosinistra.
Per la seconda volta consecutiva l'Amministrazione del Sindaco Stefano Ansideri ha portato il documento finanziario all'esame del Consiglio comunale prima dell'inizio del nuovo anno per dare certezze ai cittadini, ma anche un indirizzo, chiaro e trasparente, a tutti coloro che dovranno gestire uffici e servizi.

"A un anno e mezzo dal nostro insediamento - ha dichiarato il Sindaco Ansideri - possiamo affermare di aver preso le redini del governo locale, dando all'azione amministrativa un carattere di concretezza ed efficacia, gettando le basi di quel cambiamento che non è stato un semplice slogan elettorale, ma continua ad ispirare il nostro impegno politico-amministrativo. Ciò non significa che non intendiamo far fronte agli oneri finanziari legittimamente contratti dall'amministrazione comunale precedente, di cui - ha sottolineato Ansideri - continuiamo a non condividere le scelte prioritarie che hanno determinato lo slittamento di interventi rivelatisi più importanti. Non è una scelta ideologica, ma un'opzione politica quella che ci ha portato, anche nel 2011, a non aumentare né imposte né tasse e a mantenere l'impegno di cancellare la 'famigerata' Iscop (Imposta di scopo), di cui l'ultima rata è scaduta il 16 dicembre 2010 con il saldo Ici.

Il prossimo anno ritoccheremo, a partire da settembre 2011, le tariffe degli asili nido comunali, perché ferme dal 2005, e allo scopo di creare una situazione di perequazione fra tutte le famiglie, sia quelle che utilizzano il servizio pubblico, sia le altre che si servono dei nidi d'infanzia gestiti da privati. L'adeguamento delle tariffe sarà applicato per fasce di reddito familiare, secondo i parametri fissati dall'Isee, agevolando i detentori dei redditi più bassi".
Il Sindaco, inoltre, ha ribadito la validità della scelta di riaprire piazza Mazzini al traffico veicolare, per un periodo sperimentale, che avrà inizio dal prossimo anno, con lo scopo di rivitalizzare quella parte della piazza chiusa al traffico dove sono stati chiusi nel giro di poche settimane ben sette fra negozi e pubblici esercizi.

Sulle scelte economico-finanziarie è intervenuto l'Assessore al bilancio Roberto Roscini che ha illustrato nel dettaglio, con l'ausilio di 'slides' trasmesse in video, il documento finanziario, come è nato, come si è sviluppato e quali sono gli obiettivi da perseguire.

Il bilancio 2011 sul fronte delle entrate presenta questi dati: 19 milioni 618mila euro (correnti), 1 milione e 865mila euro (in conto capitale), 1 e 800mila euro (mutui) per un totale entrate pari a 23 milioni e 283mila euro.
Sul fronte delle uscite: 17 milioni e 195mila euro (spese correnti), 4 milioni 645mila euro (investimenti), 1 milione 443 mila euro (rimborso mutui), per un totale uscite pari a 23 milioni 283mila euro.

Nonostante i minori trasferimenti dallo Stato di oltre 500mila euro, è stato possibile compensare con l'aumento dell'avanzo corrente e in particolare grazie all'attenta gestione del patrimonio comunale, attraverso l'incremento di alcuni canoni di concessione (piscina e metanodotto). Il risultato è che dall'avanzo corrente (differenza tra entrate e uscite correnti) è possibile destinare 980mila euro a investimenti nell'anno 2011. Oltre all'invarianza di imposte e tasse, anche della Tarsu (Tassa raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani), che per il secondo anno consecutivo non subirà aumenti e, invece, registra un'altissima percentuale di copertura delle spese per tutti i servizi del settore, arrivata al 98,82% rispetto al 92% di due anni fa.

È stata confermata la scelta di massimo contenimento delle spese correnti, con la sola eccezione del settore sociale, che registra un aumento dello stanziamento pari a 62 mila euro, in ragione del perdurare degli effetti negativi della crisi economica sulle fasce più deboli della popolazione.

"Tra gli investimenti programmati nel 2011 - ha ricordato l'Assessore Roscini - da evidenziare il recupero degli immobili comunali (ex istituto commerciale e Chiesa Sant'Angelo nel centro storico), la ristrutturazione della scuola elementare di Costano e il miglioramento della viabilità (rotatoria di Via Roma incrocio Via Gramsci). Investimenti che sono portati avanti nonostante le limitazioni sempre più stringenti del patto di stabilità".»






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-12-2010 alle 17:45 sul giornale del 30 dicembre 2010 - 821 letture

In questo articolo si parla di economia, bilancio, stefano ansideri, bastia umbra, comune di bastia umbra, roberto roscini, bilancio di previsione 2011

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/fUU