SEI IN > VIVERE ASSISI > POLITICA
articolo

Bastia: ''Auto in centro? No grazie'', al via la raccolta firme

3' di lettura
1243

conferenza stampa centrosinistra bastia umbra

Si è tenuta ieri, venerdì 7 gennaio, presso l'atrio del cinema teatro Esperia, la conferenza stampa congiunta delle forze politiche di centrosinistra di Bastia Umbra, unite contro il provvedimento della giunta di riaprire la centrale piazza Mazzini al traffico veicolare.

"Una scelta da medioevo politico", si legge nel testo della petizione popolare che verrà sottoposto alla cittadinanza bastiola, "che a nostro avviso è un danno alla collettività e rappresenta il fallimento della giunta comunale di Bastia": questo il cardine attorno al quale si sviluppa la contestazione dei partiti di opposizione.

"È una scelta che sa di antico", ha rimarcato Luigino Ciotti (Sinistra Critica), secondo cui la scelta di riportare le auto in centro è in controtendenza rispetto alle altre città le quali, al contrario, vanno nella direzione della creazione di interi quartieri senza automobili.

Stimolare un commercio morente è la motivazione alla base del provvedimento, fortemente voluto dal sindaco Ansideri, che determina la riapertura al traffico di piazza Mazzini, ma "il successo degli esercizi commerciali - ha aggiunto Ciotti - non dipende dalla presenza di parcheggi, ma da molti altri fattori".

Per Massimo Geoli (Sinistra Ecologia Libertà) ciò costituisce "un passo indietro che costituisce la scelta più facile; al contrario sviluppare nuove proposte è difficile, ma è l'unico modo per andare avanti".

Una "scorciatoia" anche per Angelo Arcangeli (Partito della Rifondazione Comunista), che sottolinea quanto la rivitalizzazione del centro sia "una sfida a cui le amministrazioni non possono sottrarsi, un investimento necessario per il futuro della città".

"Questa - ha aggiunto Massimiliano Gestroemi (Italia dei Valori) - è solo la prima delle grandi problematiche che affliggono l'attuale giunta, che ora, a distanza di nemmeno due anni dall'insediamento, cominciano ad emergere".

"Una città - ha concluso Vannio Brozzi (Partito Democratico) - si identifica con un punto di aggregazione che sia di richiamo per tutti, il quale, purtroppo, è dequalificato e declassato dalla riapertura al traffico della piazza. La soluzione proposta dalla giunta è insoddisfacente e occorrono idee nuove e, soprattutto, investimenti".

La rivitalizzazione del centro storico resta la questione principale, sulla quale il centrosinistra intende articolare un confronto ampio e propositivo con la popolazione nei prossimi 30-60 giorni, periodo durante il quale verrà avviata una raccolta firme contro il provvedimento in questione. Il testo della petizione verrà distribuito con volantini e affisso con manifesti nel territorio comunale.

Mantiene contorni vaghi, tuttavia, l'alternativa proposta dal centrosinistra, visto che al momento l'unica proposta concreta, appena accennata, è quella di riportare gli uffici pubblici nel centro storico.
Per un maggiore pragmatismo non resta che attendere l'evolversi del confronto pubblico, già a partire dall'iniziativa di protesta prevista in piazza per sabato prossimo, 15 gennaio, alla presenza di esperti regionali e nazionali.


Per visionare il volantino clicca su Bastia: petizione popolare contro le auto in piazza Mazzini





conferenza stampa centrosinistra bastia umbra

Questo è un articolo pubblicato il 08-01-2011 alle 05:16 sul giornale del 08 gennaio 2011 - 1243 letture