SEI IN > VIVERE ASSISI > CULTURA
articolo

Assisi: aperta fino a domenica la mostra ''Assisi chiama San Pietroburgo''

3' di lettura
2382

Franco Prosperi

Inaugurata il 9 gennaio, l'esposizione di pittura e scultura di Franco Prosperi e Svetlana Melnichenko presenta le espressioni artistiche delle due
terre come "veicolo" di un patto di amicizia. Le opere sono esposte nella prestigiosa cornice dell'Atelier in via San Francesco n° 11 di Assisi.

Svetlana Melnichenko"Dopo aver goduto degli affreschi di Giotto - racconta la scultrice Svetlana Melnichenko di San Pietroburgo - sono entrata nella porta aperta dello studio di Franco Prosperi e con il linguaggio dell'arte ci siamo subito intesi. La sua proposta di riunire le nostre opere in uno spazio comune è stata sorprendente e come benedetta da San Francesco".

Franco ProsperiL'esposizione di sculture e pitture degli artisti Franco Prosperi e Svetlana Melnichenko, affermata scultrice di San Pietroburgo, è allestita nella prestigiosa cornice dell'Atelier in via San Francesco n° 11 di Assisi, visitabile fino a domenica 16 gennaio.

L'arte come veicolo di comunicazione tra le culture e le persone intende farsi opportunità per le scuole del territorio quale recupero, apprezzamento e valorizzazione delle arti visive in una proiezione internazionale di marcata valenza culturale. Svetlana MelnichenkoL'iniziativa intende altresì promuovere collaborazioni e scambi di esperienze tra istituti di formazione artistica umbri e di San Pietroburgo.

L'inaugurazione si è tenuta domenica 9 gennaio 2011 alla presenza di Claudio Ricci, sindaco di Assisi e presidente dell'associazione dei siti italiani Unesco, di frate Guglielmo Spirito dell'Istituto teologico di Assisi, del prof. Roberto Volpi, dirigente scolastico dell'Istituto statale d'arte "B. di Betto", della prof.ssa Katia Canti, storica dell'arte, del prof. Giovanni Zavarella, accademico d'onore dell'Accademia di belle arti 'P. Vannucci' e un folto pubblico di cultori dell'arte.

Il prossimo anno a questa manifestazione di Assisi seguirà un'analoga proposta ospitata presso l'Atelier di Svetlana Melnichenko in San Pietroburgo con una selezione di pregiate sculture di Franco Prosperi.
Un incontro di artisti, opere e luoghi come preziosa opportunità di conoscenza tre le culture per divulgare la bellezza e incentivare l'attitudine artistica dei giovani.


Franco ProsperiRiflessioni sull'Arte
di Franco Prosperi, scultore

Lo stesso tipo di processo in cui l'uomo pone al centro della contemplazione il vuoto interiore e il nulla, non esclusivo della dimensione religiosa, il misticismo ha investito nel passato e nel presente ogni categoria umana ed è stato molla fondamentale del meccanismo creativo ed evolutivo, che sia quello della scienza, della filosofia, della letteratura, della poesia e dell'estetica in senso ampio.
Perseguire la bellezza come fine essenziale delle arti visive significa riconoscere all' arte la sua funzione fondamentale che è quella di comunicare visivamente l'insieme dei significati estetici degni di nota, portatori di qualità e di valori morali, alla stessa stregua di un linguaggio poetico.
L'esperienza artistica insegna ad essere più umani poiché la bellezza è semplicemente la realtà in sé percepita con piena consapevolezza.
La bellezza espressa dall'opera d'arte non è determinata a priori nel vuoto interiore ma è la conseguenza finale della percezione della realtà e dei valori evolutivi necessari alla specie umana percepiti e comunicati.
La comunicabilità dell'opera d'arte è quindi l'essenza ancor prima del significato.



Franco Prosperi

Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2011 alle 18:08 sul giornale del 13 gennaio 2011 - 2382 letture

All'articolo è associato un evento