Assisi: i parcheggi finiscono in Consiglio. Lunghi: ''Sogno una città senza auto''

antonio lunghi 3' di lettura 02/03/2011 -

«Nel prossimo consiglio comunale - afferma in un comunicato il vicesindaco di Assisi Antonio Lunghi - verrà posta in approvazione una disposizione, predisposta dal sindaco, che prevede una revisione delle convenzioni in atto con le società che gestiscono i parcheggi in Assisi.



Il nostro gruppo ha fortemente voluto questo atto in quanto rappresenta un esempio significativo di come si può intraprendere una strada che, pur non rinunciando alle risorse che provengono dalle tariffe dei parcheggi, possa essere di stimolo per l'economia del territorio.

Centro storico AssisiLa ricetta che noi proponiamo è quella di utilizzare al massimo il vantaggio che le infrastrutture, che fortunatamente sono state realizzate in questi anni, possono determinare. Il gap del nostro Paese nei confronti degli altri paesi occidentali dipende in maniera significativa dalla mancanza di infrastrutture. Noi, che le abbiamo, utilizziamole al meglio!

La capienza dei parcheggi esistenti in Assisi è ampiamente sufficiente a rispondere alle esigenze della città sia per quanto riguarda le autovetture che i bus turistici. Anzi queste strutture sono sotto-utilizzate per gran parte dell'anno.

Oggi abbiamo tre convenzioni che gestiscono i rapporti tra l'amministrazione comunale e le società di gestione: la prima relativa al parcheggio di piazza Matteotti; la seconda relativa ai parcheggi di S.Pietro di Porta Nuova oltre a quelli di S. Maria degli Angeli; la terza relativa al parcheggio di Mojano.
Dobbiamo rivedere le convenzioni in maniera unitaria e proporre un patto con le società che gestiscono le strutture. Questo patto dovrebbe prevedere:

Centro storico Assisi1) la realizzazione in tempi rapidi di alcune infrastrutture accessorie che consentano un migliore utilizzo delle strutture e dell'accesso al centro storico e precisamente:
- la realizzazione della scala mobile che arrivi su via s.Crispino e prosegua su piazza S. Chiara;
- realizzazione di una doppia scala mobile al Parcheggio di Porta nuova in discesa e la risistemazione dei servizi della struttura;
- la sistemazione del piano terra del parcheggio di piazza Matteotti con la possibilità di poter far arrivare nella parte alta della città i pullman turistici.

2) Una nuova politica tariffaria che abbia i seguenti obiettivi:
- mantenere immutate le risorse di cui attualmente beneficia il Comune di Assisi;
- diminuire le tariffe dei chekpoint come in parte si è deliberato nel corso dell'ultimo consiglio comunale;
- rivedere le politiche tariffarie nei confronti dei residenti per far leva sul turismo di prossimità.

Centro storico di AssisiQuesto lo si può ottenere allungando il periodo della convenzione e cercando di ottimizzare gli interventi da realizzare. Il nostro sogno è quello di poter liberare la città dalle automobili senza eliminare i vantaggi che le autovetture portano alla vita degli individui.

Ultima osservazione: gli arrivi nei parcheggi costituiscono un indicatore significativo per valutare i flussi turistici; credo che l'amministrazione comunale dovrà iniziare a mettere in piedi una banca dati significativa per valutare nel tempo gli indicatori che sono significativi per capire quello che accade.»


(Foto di testata: il vicesindaco Antonio Lunghi; immagini di Assisi a cura di assisionline.it)


da Antonio Lunghi
Vicesindaco del Comune di Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-03-2011 alle 08:36 sul giornale del 02 marzo 2011 - 2197 letture

In questo articolo si parla di traffico, parcheggi, politica, centro storico, assisi, antonio lunghi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hXf