La carne rossa è regina ad Agriumbria, la festa della filiera

Agriumbria 3' di lettura 25/03/2011 -

Si è alzato il sipario sulla quarta edizione di Agriumbria, la più grande rassegna di agricoltura, zootecnia e allevamento allestita nel centro fieristico regionale Umbriafiere, a Bastia Umbra. Quattrocento gli espositori, per un totale di oltre mille stand dove trattori e macchine agricole sono protagonisti, all'insegna dell'innovazione tecnologica.



Al taglio del nastro erano presenti, insieme al primo cittadino di Bastia, Stefano Ansideri, che ha fatto gli "onori di casa", anche la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, e gli assessori regionale e provinciale all'agricoltura, rispettivamente Fernanda Cecchini e Roberto Bertini.

"Occorre utilizzare tutte le misure disponibili per giungere attrezzati alla sfida della competitività dopo il 2013", ha affermato la presidente Marini, che nel ricordare l'importanza per l'Umbria di avere un'agricoltura cheTrattori esposti ad Agriumbria (c/o Umbriafiere di Bastia Umbra) "possa coniugare la qualità, la sostenibilità ambientale e la sicurezza nei luoghi di lavoro", ha anche sottolineato che nell'ambito della conferenza delle Regioni ci sarà la proposta di riottenere "fondi nazionali per la zootecnia".

"Una manifestazione importante non solo per gli operatorim ma anche perché consente di fare il punto della situazione per quello che riguarda l'agricoltura", è stato il commento dell'assessore Cecchini; mentre per il presidente di Umbriafiere, Lazzaro Bogliari, "Agriumbria è una rassegna di rilievo ma anche una festa perché propone tutta la filiera agricola".

Oltre ai rappresentanti istituzionali hanno preso parte all'inaugurazione i presidenti dei due centri fieristici con cui Umbriafiere, in occasione della ricorrenza del 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia, ha stretto un patto di gemellaggio che traccia un filo conduttore unendo nord, centro e sud nella costruzione di "un percorso comune, sulla base delle esperienze delle rispettive fiere nel settore agricolo".


Carne rossa? Sì, ma di qualità

Agriumbria si caratterizza, quest'anno, anche per l'attenzione alla qualità della carne rossa.
Il Consorzio Produttori Carne Bovina Pregiata delle Razze Italiane (C.C.B.I.) presenta il laboratorio di sezionamento-macelleria mobileBue esposto ad Agriumbria (c/o Umbriafiere di Bastia Umbra) realizzato su un automezzo che svolgerà, per conto dell'allevatore socio, la sezionatura del capo direttamente in azienda, e concorderà con il Consorzio stesso una "giornata di vendita" sia di carne, sia di altri prodotti agricoli dell'azienda.


Nei padiglioni mostre, espositori e saloni

Quattrocento gli espositori, con grande spazio per la meccanizzazione agricola, dai trattori alle macchine per la raccolta del grano fino alle attrezzature più piccole, per l'orto e il giardinaggio.
Numerose le mostre zootecniche, con l'esposizione di molti diversi capi di bestiame: dalla razza chianina alla razza frisona italiana, fino ai riproduttori maschi delle razze ovine e caprine da latte; presenti anche cavalli, asini e i bovini di razza maremmana.

Oleatec per l'olivicoltura, Enotec per l'enologia e Bancotec per l'industria alimentare sono invece i saloni specializzati, allestiti per mostrare un quadro generale dell'evoluzione tecnologica che caratterizza la meccanizzazione e l'impiantistica di tre settori portanti dell'economia agro-industriale.


(Foto di testata: la folla presso il padiglione n°9 di Umbriafiere a cura di agricultura.it. Foto a lato: trattori e bovini esposti presso Agriumbria, a cura di sinequanon.it. Nella fotogallery in basso alcuni istanti dell'inaugurazione: clicca sulle immagini per ingrandirle e leggere le didascalie)








Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2011 alle 20:16 sul giornale del 26 marzo 2011 - 3748 letture

In questo articolo si parla di economia, agricoltura, zootecnia, allevamento, sara caponi, bastia umbra, umbriafiere, agriumbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/iUP