''Più assunzioni nel 2011'': ottimismo dalle piccole medie imprese

CNA - Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa 3' di lettura 02/04/2011 -

"Nel 2011 assumeremo di più": lo dichiara il 17,91% degli imprenditori del comprensorio Perugia-Bastia Umbra. Questo è l'incoraggiante risultato emerso da una ricerca condotta dalla Cna provinciale sui livelli occupazionali e sui fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese del comprensorio Perugia-Bastia Umbra.



Su un campione di circa 170 aziende coinvolte, operanti nei diversi settori produttivi (meccanica, grafica, legno, tessile, agroalimentare, ceramica e artigianato artistico, autoriparazioni, trasporto merci, trasporto persone, acconciatori ed estetica, pizzerie e forni), il 17,91% ha dichiarato di voler assumere nel 2011. Si tratta del dato più interessante rispetto alle altre 7 aree oggetto d'indagine: Mario Rossi, presidente CNA Perugiaquello di Perugia-Bastia Umbra dimostra di essere il comprensorio più dinamico per l'anno 2011.

Nel costruire il campione, le aziende sono state suddivise in 4 classi dimensionali: da 0 a 9, da 10 a 20, da 21 a 49 e oltre 50 addetti.

Come spiegano Mario Rossi, presidente della Cna di Perugia e Antonello Cozzali, presidente Cna di Bastia, "si tratta di un'indagine molto utile per conoscere da vicino le prospettive e le esigenze delle nostre imprese. I segnali che ci arrivano per il 2011 sembrano abbastanza incoraggianti, anche se non ancora confortanti".

Nel dettaglio, i settori dove le possibilità di assunzioni risultano maggiori sono l'impiantistica, la meccanica, il legno, l'agroalimentare, la grafica, il web e gli autoriparatori. Le figure professionali più richieste in queste aree sono: operai, periti industriali, meccanici e impiegati amministrativi.

Le principali esigenze formative delle imprese che hanno dichiarato di voler assumere riguardano, per i settori dell'impiantistica, la manutenzione degli impianti aerodinamici, l'installazione e manutenzione di caldaie e climatizzatori, l'installazione e la manutenzione di condizionatori e frigo, corsi sulle energie rinnovabili e sul controllo di gestione.

Per il settore della meccanica, i corsi che interessano sono: quelli CAD/CAM, Antonello Cozzali, presidente CNA Bastia Umbraquelli per operatori di macchine a controllo numerico, per saldatori e i corsi di lingue.

Gli imprenditori del legno dichiarano di avere necessità formative per le figure di restauratori e per la lavorazione e l'arte dell'intaglio del legno.

Per quanto riguarda l'agroalimentare, invece, le esigenze si concentrano nel marketing e nella comunicazione, mentre gli acconciatori esprimono necessità di formazione su nuovi prodotti e nuovi metodi.

Infine, gli autoriparatori hanno esigenze formative specifiche di settore come l'installazione e la manutenzione di impianti diesel nonchè esigenze attinenti al marketing e alla comunicazione.

"Non dimentichiamoci - concludono i due presidenti Rossi e Antonello Cozzali - che nonostante alcuni segnali positivi la crisi non è sicuramente passata, in quanto accanto al 17,91% di coloro che hanno intenzione di assumere vi è una una maggioranza di imprese che non assumerà, tra cui un 11,17% che probabilmente licenzierà. In sostanza l'attuale scenario occupazionale resta a macchia di leopardo e rispecchia le trasformazioni in corso a livello economico locale".


(A destra il presidente della Cna di Perugia, Mario Rossi; a sinistra il presidente della Cna di Bastia Umbra, Antonello Cozzali)


dalla CNA Provincia di Perugia
(Confederazione Nazionale dell'Artigianato
e della Piccola e Media Impresa)




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2011 alle 05:03 sul giornale del 02 aprile 2011 - 1161 letture

In questo articolo si parla di lavoro, economia, imprese, occupazione, assunzione, cna perugia, mario rossi, antonello cozzali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/jaD