Bastia: una piccola oasi per una grande speranza

Oasi sul fiume Chiascio, Bastia Umbra 3' di lettura 04/05/2011 -

"Una piccola oasi sul fiume Chiascio.. una grande speranza" è la giornata all'insegna della natura, tra premiazioni e ripopolamento della fauna ittica, che si è svolta sabato 30 aprile, nei pressi del laghetto realizzato dalla Provincia lungo il percorso verde di Bastia Umbra.



Organizzata dall'associazione Amici del Chiascio, insieme al comitato soci Coop centro Italia di Bastia e con il patrocinio del Comune di Bastia Umbra e della Provincia di Perugia, l'iniziativa si pone l'obiettivo di far conoscere e di valorizzare il sito naturale, costruito come una vera e propria oasi sul fiume Chiascio, che funge da luogo di riposo temporaneo per molte specie migratorie.

Un'occasione ideata anche per premiare le classi 3ª e 4ª elementare delle scuole di Bastia e Bettona, che hanno partecipato, realizzando disegni e elaborati, al concorso "Una piccola oasi sul fiume Chiascio… una grande speranza", che ha dato appunto il nome all'intera iniziativa. A premiare le classi vincitrici (la 3ª C "Don Bosco" e la 4ª del "Villaggio XXV aprile") con una gita nell'oasi "La valle di San Savino sul Trasimeno", è stata la presidente dell'associazione organizzatrice Maria Rita Ascani, alla presenza del sindaco di Bastia Stefano Ansideri, dell'assessore all'ambiente del Comune di Bastia Francesco Fratellini, dell'assessore all'ambiente della Provincia di Perugia Roberto Bertini, e dei membri del Comitato soci Coop.

Durante la giornata premiati anche i vincitori di "Ogni altra cosa", il concorso artistico lanciato dal comitato soci Coop centro Italia con l'intento di promuovere la cultura del riciclaggio dei rifiuti solidi urbani. A ricevere un buono acquisto da spendere nei punti vendita Coop, per i disegni e le foto realizzati sul tema del riciclo, sono stati Fabio Cassetta, Roberta Mencaroni e Veronica Contessa, rispettivamente primo, secondo e terzo classificato. Tutti i lavori artistici sono stati poi esposti al pubblico lungo il percorso verde.

Il clou dell'iniziativa è stato rappresentato dal coinvolgimento dei bambini nella vita dell'oasi, con il rilascio nel laghetto, da parte dell'associazione, di due meravigliosi cigni, ribattezzati Renzo e Lucia, e di una notevole quantità di pesci, destinati a ripopolare la fauna ittica del fiume.

"Questa oasi - ha sottolineato Massimo Geoli, membro dell'associazione amici del Chiascio - è una vera e propria conquista per tutti i cittadini, giovani e adulti, che possono godere della natura senza però alterarne l'habitat. Questo laghetto infatti è un'area 'no-kill', in cui gli appassionati possono divertirsi a pescare, senza uccidere i pesci, ma ributtandoli nell'acqua dopo averli presi. L'associazione organizza ormai da quindici anni iniziative come questa, volte a valorizzare i siti naturali".

"L'amministrazione comunale - ha concluso l'assessore Francesco Fratellini - abbraccia volentieri certe iniziative, rivolte espressamente ai bambini, che saranno gli adulti di domani. Valorizzare quest'area verde, inoltre, così vicina al centro della città e quindi accessibile a tutti, è un obiettivo che incentiveremo anche con l'apertura a breve di un percorso attivo, all'interno del parco, dove i cittadini potranno fare attività sportiva".


da Amici del Chiascio
Associazione Bastia Umbra






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2011 alle 01:01 sul giornale del 04 maggio 2011 - 1061 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ambiente, bastia umbra, fiume chiascio, amici del chiascio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/klA