Assisi incorona Ricci. Vittoria al primo turno per un soffio

Claudio Ricci 5' di lettura 17/05/2011 -

Vittoria al primo turno sul filo di lana: il sindaco uscente intasca il 50.8% e scampa il ballottaggio con Carlo Cianetti, arrivato secondo con il 27.6%; terzo Giorgio Bartolini con il 21.6%. “È la vittoria del ‘noi’ – è il commento di Ricci ai microfoni della Rai –, ora dialogheremo con le altre coalizioni”.



Il risultato definitivo è giunto molto tardi a causa di alcune contestazioni per i seggi di Castelnuovo, Petrignano e Tordandrea; quest’ultimo, in particolare, si è fatto attendere per molte ore, arrivando a tardissima notte.

Ecco lo screen definitivo che riporta anche il numero esatto dei votanti per ciascun candidato:


Risultati finali delle elezioni amministrative Assisi 2011


Nonostante lo scrutinio dei primi seggi (tutti al di sotto del 50%) avesse fatto temere il mancato raggiungimento della fatidica soglia di sicurezza per sfondare al primo turno, i risultati finali smentiscono l’exit poll realizzato dal nostro quotidiano, il quale aveva indicato come probabile il ballottaggio tra il candidato del centrodestra e quello del centrosinistra. Pur costituendo un’indicazione di massima senza alcun valore scientifico, ma che teneva conto di tutte le variabili, l’exit poll rivela l’anomalia di un elettorato di centrodestra ostracista e restio a partecipare alla rilevazione, falsando il risultato a favore di Carlo Cianetti, il cui elettorato, evidentemente, si è prestato più volentieri al sondaggio.


Esultanza pacata e ‘democristiana’

Sono un ingegnere e democristiano, non dico niente finché l'arbitro non fischia il finale di partita”: è questa la risposta telefonica di Ricci ai giornalisti che gli fanno domande sull’esito, ormai quasi certo, del risultato finale, che arriva quando è ormai troppo tardi per dar vita alla desiderata ma mancata acclamazione in piazza insieme ai sostenitori che lo hanno atteso per alcune ore ad Assisi, raggiungendolo infine presso la sede del Comune di Santa Maria degli Angeli, dove Ricci è giunto poco prima dell’una di notte e nei cui corridoi si è consumata la festa.
Visibilmente soddisfatto, il sindaco è stato accolto calorosamente da decine e decine di persone, tra i big del Pdl (i consiglieri regionali Massimo Mantovani, Massimo Monni e Maria Rosi), gli amici e i candidati del centrodestra (tra cui Antonio Lunghi, che già poco dopo le 20 cantava festoso nella piazza di Santa Maria) e tanti elettori e simpatizzanti di diversa età ed estrazione: giovani e meno giovani, donne e uomini, addirittura un rappresentante dell’ordine dei frati minori, giunti a piedi nel cuore della notte per un sorriso e un abbraccio con il riconfermato sindaco.


Assisi e Santa Maria tradiscono i loro candidati

Claudio Ricci vince in tutti i 32 seggi, non senza sorprese. Assisi centro storico e Santa Maria degli Angeli, in particolare, hanno scelto di premiare il sindaco uscente contro le aspettative e tutte le tendenze storicamente consolidate.

Il “figlio del centro storico” Carlo Cianetti, infatti, non riesce a conquistare la maggioranza in neanche uno dei sette seggi di Assisi centro storico, dove Ricci registra (seggio n°4 di via Sant’Antonio) percentuali fino al 56.4%, contro il 34.2% di Cianetti e il 9.4% di Bartolini. Da rimarcare l’altissima affluenza di votanti in alcuni seggi, tra i quali si registra il record da assegnare al seggio n°7 di via S. Benedetto, con un’affluenza dell’84.5%.

E se Assisi delude Cianetti, allo stesso modo Bartolini non sfonda a Santa Maria degli Angeli, tradizionalmente di suo dominio: il risultato migliore è infatti il 35.8% ottenuto nel seggio n°13 di piazza Martin Luther King contro il 42.6% di Ricci e il 21.6% di Cianetti; Ricci invece stravince al seggio n°10 di via Los Angeles, intascando un 58.2% contro il 24.2% di Bartolini e il 17.6% di Cianetti.


Le frazioni sono tutte per Ricci, ma con riserva

Ricci si aggiudica la maggioranza dei voti in tutti i 16 seggi delle frazioni, ma sfonda la soglia del 50% solo in sette di essi. Il risultato migliore è quello del seggio n°23 di Palazzo, dove Ricci conquista il 58.6% dell’elettorato contro il 28.4% per Cianetti e il 13.1% per Bartolini. Buoni i risultati anche a Petrignano, Viole, Torchiagina, Costa di Trex e Porziano.
Da sottolineare il buon risultato di Bartolini nella frazione di Rivotorto, dove conquista in media il 30% dei consensi, e in quella di Capodacqua, dove supera il 33%; buoni i risultati di Cianetti nei seggi di Petrignano, che lo premiano con il 32.7% nel seggio n°16, il 34.1% nel n°17 e il 34.8% nel n°18, e in quello di Sterpeto, dove è quasi testa a testa con Ricci (43.8% contro il 46.1% del primo cittadino).


Si sfiora la rissa a Tordandrea

Le tensioni accumulate in mesi di aspra campagna elettorale sfociano in una baruffa nel seggio n°26 nella frazione di Tordandrea, dove il candidato del Popolo della Libertà per Ricci, Walter Almaviva, e la candidata di Futuro per Assisi per Bartolini, Roberta Raspa, passano alle mani.
Secondo le indiscrezioni ad innescare la miccia sarebbe stato Almaviva, che già in passato aveva mostrato aggressività (in un consiglio comunale si era scontrato fisicamente con l’ex presidente della Pro loco di Tordandrea Paolo Brufani).
Pur minacciando denuncia, pare che per il momento la candidata Raspa abbia evitato di rivolgersi alle autorità.
A parte questo neo, lo svolgimento del voto è stato regolare e senza alcun episodio rilevante in tutti gli altri seggi del territorio.


Fotogallery: Claudio Ricci, appena eletto, viene accolto dai suoi sostenitori








Questo è un articolo pubblicato il 17-05-2011 alle 07:40 sul giornale del 17 maggio 2011 - 1743 letture

In questo articolo si parla di politica, sara caponi, claudio ricci, giorgio bartolini, carlo cianetti, elezioni comunali assisi 2011 e piace a michele

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/kR8