Sport senza frontiere alla ''Festa in amicizia'' del Serafico

Disabili 3' di lettura 25/05/2011 -

Nei giorni 13-14-15 maggio 2011 si è svolta la tradizionale Festa in Amicizia organizzata dall’Istituto serafico di Assisi. Il tema di quest'anno è stato "Sport per tutti", vissuto in tre momenti con modalità differenti.



Venerdì 13 maggio si è svolto il convegno dal titolo "Sport e disabilità: educazione, riabilitazione, integrazione". La riflessione si è focalizzata sugli aspetti che favoriscono le persone disabili nel praticare lo sport e i benefici psico-fisici che ne derivano.

Sono stati affrontati argomenti inerenti la medicina dello sport, le attività sportive adattate, le tecnologie e gli ausili a servizio dello sportivo disabile. Grande emozione per la testimonianza di Enzo Masiello, campione sportivo vincitore di numerose medaglie ai Giochi Paralimpici sia invernali che estivi, efficace esempio del grande valore dello sport quale veicolo di integrazione.
Nella seconda parte del convegno c’è stato il confronto tra le varie organizzazioni (CIP, Fisdir, Special Olympics, CSI) che, a livello nazionale, si occupano dello sport per persone disabili; è stata l’occasione per dichiarare la necessità di fare rete per dare sempre più opportunità alle persone con difficoltà e alle loro famiglie cercando di avvicinarle allo sport fin dalla scuola dell’obbligo. Molta la partecipazione e l'interesse, in modo particolare delle famiglie che sono venute a conoscenza di una ulteriore opportunità dei propri figli.

Il giorno di sabato 14 maggio ha avuto al centro la pratica dello sport: presso lo stadio comunale di Bastia Umbra si sono svolti i giochi unificati con varie società sportive di atleti disabili e alcune scuole del territorio. Essi hanno come scopo la socializzazione e l'integrazione ed, inoltre, un grande valore educativo derivante dall'accogliere l'altro nella sua diversità. Nel pomeriggio si sono svolti i Campionati Regionali Special Olympics di atletica per le qualificazioni ai Campionati Nazionali ai quali hanno partecipato anche alcuni atleti dell'Istituto.
Vive parole di apprezzamento sono state rivolte agli atleti da Alessandro Palazzotti, Vicepresidente Nazionale Special Olympics durante la premiazione effettuata insieme a Donatella Porzi, Assessore Provinciale alla Cultura: “i risultati di oggi dimostrano che, attraverso lo sport anche per ragazzi con disabilità intellettiva e pluriminorazione possono essere messe in luce abilità nascoste che promuovono la loro autostima e favoriscono l’accettazione e la socializzazione”. Un Grazie particolare a Roberta Calce speaker radiofonica e testimonial di questa giornata ma soprattutto grande Amica dell'Istituto.

Nella giornata conclusiva di domenica 15, gli ambasciatori del Serafico hanno ascoltato la riflessione di Padre Alfredo Avallone sul tema "Francesco atleta di Dio". Francesco è stato un atleta (=lottatore) della spiritualità cristiana, diffondendo, attraverso il suo esempio di vita piena, a tanti altri atleti - seguaci e pellegrini - il desiderio di avvicinarsi alla Gloria Celeste. Dopo il pranzo in Amicizia, la celebrazione eucaristica, presieduta dal vescovo mons. Domenico Sorrentino, è stato il degno epilogo di queste importanti giornate.








Questo è un articolo pubblicato il 25-05-2011 alle 05:16 sul giornale del 25 maggio 2011 - 664 letture

In questo articolo si parla di sport, assisi, istituto serafico, festa in amicizia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/lc3





logoEV
logoEV