''Un serpaio intorno alle poste di Santa Maria''

Ufficio postale di Santa Maria degli Angeli 2' di lettura 24/05/2011 -

“Erbacce alte più di un metro e recinzione con rete metallica rotta e pericolosa per l’incolumità pubblica sono la cornice ad un ufficio postale che dovrebbe essere il fiore all’occhiello della popolosa realtà angelana”: la denuncia è dell’ex presidente della Pro loco di Tordandrea, Paolo Brufani.



“Ma non solo – rileva – l’ufficio postale, proprio per la sua posizione a ridosso di un importante parcheggio pullman, è usufruito da turisti di tutte le parti d’Italia e del mondo che sicuramente non avranno un bel ricordo di quel posto. Vicino c’è anche un importante edificio scolastico e dovrebbe essere di esempio agli studenti la cura del territorio.

L’ex presidente del consiglio comunale di Assisi, paladino della tutela paesaggistica, ambientale e tutore del bello, non si spiega come mai queste cose brutte non vengono notate da chi è responsabile della cosa pubblica. Perché la gente non si indigna di fronte a tali scempi?
Possibile che la politica assisana non riesca a produrre sensibilità capaci di intercettare la tutela del bello?

Magari la competenza specifica della sistemazione del verde di tale spazio non compete al Comune, ma sicuramente chi è responsabile del decoro pubblico del territorio è il sindaco. Al sindaco, però, sembra non interessare il giudizio di un turista che, ovviamente, non vota ad Assisi e che magari non vorrà più tornarci per le brutture che ha visto”.

Commentando, infine, il ‘toto-giunta’ per la scelta degli assessori, Brufani aggiunge: “Anche il modo di procedere da parte del sindaco alla scelta degli assessori, non valutando in alcun modo le competenze, ma solo il risultato elettorale, è la dimostrazione di come da anni Assisi intende la politica.
Nessuna apertura alla società civile, a tecnici in giunta provenienti dalla società civile. Solo politici di professione. L’ultima apertura alla società civile risale alla giunta Vitali che ebbe il coraggio di affidare l’assessorato al turismo ad un imprenditore del settore (il povero Leggio, allora titolare dell’albergo Winsor)”.


Le erbacce intorno all’ufficio postale. Foto del 23/05/2011
(Clicca sulle immagini per ingrandire)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2011 alle 17:45 sul giornale del 25 maggio 2011 - 942 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, ufficio postale, santa maria degli angeli, paolo brufani, erbacce

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/lbj