Il Museo della memoria in un libro. Oggi la presentazione

2' di lettura 14/06/2011 -

Ricordare la Assisi clandestina che si impegnò in una coraggiosa opera di aiuto nei confronti degli ebrei e dei perseguitati politici: è con questo intento che nasce “Museo della memoria - Assisi 1943-1944”, un ulteriore contributo a una pagina importante di memoria assisana.



Come spiegato nell’introduzione del volume, curato da Francesca Vignoli, il libro intende ripercorrere le tappe e dipingere i personaggi protagonisti di quel movimento di solidarietà verso gli ebrei che, perseguitati dal regime nazista, giungevano nella città serafica in numero sempre crescente.
Per volere del papa, l’allora Pio XII, e del vescovo, i conventi e le diverse comunità religiose offrirono rifugio a perseguitati di ogni genere, che furono sistemati anche presso famiglie disposte a ignorare l’obbligo di denuncia degli ospiti alla polizia.
Gli ebrei rimanevano nascosti all’interno dei conventi fino a quando non venivano forniti di falsi documenti d’identità, che consentivano loro di passare per rifugiati provenienti da località dell’Italia meridionale già nelle mani degli Alleati.
Fabbricare i documenti era un lavoro complesso ed estremamente pericoloso, di cui si occuparono il tipografo assisano Luigi Brizi e suo figlio Trento, che stampavano le false carte d’identità, affidate poi al campione di ciclismo Gino Bartali, che le trasportava nel telaio della sua bicicletta.
Grazie a questo espediente furono circa trecento gli ebrei, giunti da vari Paesi europei per cercare rifugio nella città di San Francesco, che furono salvati dalla persecuzione nazista.

La presentazione si terrà nel pomeriggio di oggi, martedì 14 giugno, alle ore 17.30 presso la pinacoteca comunale situata a palazzo Vallemani, nel centro storico di Assisi.
Alla presentazione interverranno anche il vescovo emerito mons. Sergio Goretti, Annabella Donà (curatrice della mostra allestita alla St. Bonaventure University di New York), Marina Rosati (ideatrice e curatrice del “Museo della memoria Assisi 1943-1944”) e Paolo Mirti (autore del libro “La società delle mandorle”).
Le letture, tratte dai racconti di alcuni testimoni, saranno affidate a Pino Menzolini e la relazione sul volume alla sua stessa curatrice, Francesca Vignoli.
Durante la presentazione sarà proiettato il video “Assisi 1943-1944 - Testimoni per una memoria del bene”.






Questo è un articolo pubblicato il 14-06-2011 alle 07:14 sul giornale del 14 giugno 2011 - 1905 letture

In questo articolo si parla di cultura, ebrei, nazismo, sara caponi, museo della memoria, assisi clandestina

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/l4i