Fervono i preparativi per il Cambio Festival 2011

Cambio festival 2' di lettura 20/06/2011 -

Si terrà dal 20 al 23 luglio la dodicesima edizione del Cambio Festival, l’importante rassegna musicale che nasce e si sviluppa nel cuore del territorio assisano, nella frazione di Palazzo. La rassegna nasce dalla volontà di un gruppo di amici di voler creare un’occasione d’incontro, inteso come momento di conoscenza e approfondimento della vivacità culturale contemporanea.



La scelta della location ricade sul Castello dei Figli di Cambio, una delle splendide strutture storiche che vanta il comune di Assisi e che è stata completamente riqualificata a seguito del sisma del ‘97.

Il contenuto culturale del Cambio Festival viene da subito indirizzato verso un focus sulla sperimentazione, che dall’ambito musicale allarga il respiro per accogliere quante più proposte artistiche vengano ritenute forti nel voler comunicare al pubblico.
Dopo anni di grande impegno, l’associazione culturale promotrice “Ponte Levatoio”, presieduta da Francesco Raspa e portata avanti con grande passione da tutti gli associati, decide di fare un grande salto di qualità, sia dal punto di vista dei contenuti, che per quanto riguarda l’aspetto dedicato al servizio nei confronti del suo pubblico.
L’attento lavoro di selezione dell’associazione, guidato dal direttore artistico Carlo Bosco, quest’anno ha prodotto un programma di grande pregio.

Mercoledì 20 luglio si terrà il concerto di Manu Katché, batterista afro-francese noto, fra le altre, per le continue collaborazioni con Peter Gabriel e Sting; il musicista proporrà brani ispirati alla vera “world music”, accompagnato da un quartetto di grande spessore artistico. “Third Round” è il suo ultimo capolavoro discografico edito da ECM.

Giovedì 21 luglio, Ramberto Ciammarughi porterà sul palcoscenico un recital di pianoforte solo, concepito come una vera e propria rivisitazione della musica dai film di questo secolo. Stimato dalla stampa internazionale, l’artista è uno dei più romantici pianisti presenti nella scena musicale contemporanea.

Venerdì 22 luglio il Cambio Festival ospiterà Agricantus, la più importante formazione italiana di world music. Il loro repertorio attinge ai suoni del deserto e delle periferie del mondo proponendo una miscela sonora resa suggestiva dalla combinazione di strumenti etnici alla tecnologia elettronica più sofisticata.

La kermesse si chiude sabato 23 luglio con Gegè Telesforo e il suo “So Cool”, titolo del nuovo cd, che presenta un repertorio originale, scritto per il suo quintetto. Ritmi frizzanti ricchi di groove e energia jazz interpretati dal grande dello scat.

Al programma dei concerti, i cui biglietti da quest’anno saranno in vendita presso il circuito di prevendite www.ticketitalia.com, se ne aggiunge uno parallelo e altrettanto ricco di fermenti culturali.

Mai come in occasione della XII edizione, il Cambio Festival ha attivato sinergie di particolare importanza, divenendo centro nevralgico delle particolarità che la regione umbra ospita e rappresenta nel panorama nazionale.






Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2011 alle 09:03 sul giornale del 20 giugno 2011 - 919 letture

In questo articolo si parla di musica, spettacoli, eventi, rassegna, cambio festival

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mja