Bastia: Marco Fortebracci è il nuovo assessore

Marco Fortebracci 5' di lettura 28/06/2011 -

È stata presentata stamani, in una conferenza stampa nella sala del consiglio del palazzo comunale di Bastia Umbra, la nuova giunta comunale, che dà il benvenuto al neo assessore Marco Fortebracci. Con l’occasione è stato tracciato un bilancio del biennio di attività.



Ha presentato il nuovo assessore Marco Fortebracci, 45 anni, sposato e padre di due figli, funzionario presso la curia vescovile di Assisi. Assume le deleghe allo sport, alla comunicazione esterna, ai sevizi demografici e statistici e alla gestione dei rapporti con l’Ente Palio de San Michele. Con l’ingresso del settimo assessore in giunta sono state ridistribuite alcune deleghe, in particolare a Fabrizio Masci che, oltre agli affari generali e istituzionali assume la responsabilità della polizia municipale e del commercio; Francesco Fratellini mantiene il settore informatica, il servizio di igiene urbana e in più da oggi gestisce l’edilizia e il turismo.
“Ho il piacere di annunciare – ha dichiarato il sindaco – il conferimento di un incarico extraistituzionale per la gestione dei rapporti nell’ambito del progetto ‘Città dello Sport’ all’avvocato Fabrizia Renzini, anche per i suoi trascorsi di campionessa sportiva”. La signora Renzini, valida professionista, negli anni Ottanta ha conquistato il titolo di campione europeo di sci acquatico. “Resta tra i nostri obiettivi – ha aggiunto Ansideri – la realizzazione della Città dello Sport, pur consapevoli che solo con un forte apporto dei privati il progetto potrà diventare realtà nel prossimo futuro”.

Difficoltà economiche e finanziarie, ha ricordato il sindaco, hanno accompagnato i due anni di governo della città, difficoltà che non hanno mai scoraggiato la nostra azione volta a realizzare quel cambiamento che è alla base della nostra decisione di scendere in campo. “Oltre alle scarse risorse finanziarie – ha spiegato Ansideri – hanno rappresentato un freno anche certi atteggiamenti di coloro che a parole si erano detti favorevoli al cambiamento, ritenendo però che fosse possibile il cambiamento purché da realizzare in casa d’altri. Insomma, un conservatorismo che è duro a morire, ma che riteniamo di poter superare. Abbiamo dato attuazione allo statuto comunale che da 18 anni prevedeva uno stemma e un gonfalone ufficiali, simbolo dell’identità comunale che noi siamo riusciti a tradurre in realtà il 5 marzo scorso con una solenne cerimonia. Il nostro impegno quotidiano in questi due anni ha richiesto notevoli risorse umane e professionali ed è stato rivolto a riparare i danni e le omissioni delle precedenti amministrazioni”.

Un’attività che ha comportato l’aggiornamento del regolamento del consiglio comunale, la creazione dell’ufficio patrimonio del Comune, una nuova disciplina sulla pubblicità e cartellonistica che è di primaria importanza per una città come la nostra, con una grande vocazione commerciale.
“Abbiamo tenuto fede all’impegno di non aumentare l’imposizione fiscale. È stata cancellata l’Iscop (imposta di scopo) dal 2011, mentre non è stata toccata la tarsu, la tassa sulla raccolta e smaltimento dei rifiuti, che nella gran parte dei Comuni umbri negli ultimi due anni ha registrato incrementi che vanno dal 10 al 15%. Siamo riusciti anche a portare al 98% la copertura finanziaria del servizio rifiuti”.
Il sindaco, inoltre, ha ricordato l’aumento della tariffa per l’accesso agli asili nido comunali, che era ferma del 2006. L’assistenza di 94 bambini costa in un anno circa 800mila euro, di cui solo il 30% a carico delle famiglie. “È stata sbloccata la situazione delle cosiddette aree di recupero e abbiamo rimesso in moto i lavori all’ex Deltafina e riattivato le procedure dell’area San Marco, le due aree destinate ad ospitare i poli scolastici in cui sarà riorganizzato l’assetto delle sedi scolastiche del Comune”. Infine, Ansideri ha parlato del settore sociale, l’unico in cui gli stanziamenti sono stati aumentati nel corso degli ultimi due anni. “Abbiamo voluto assicurare – ha concluso il sindaco – le risorse per mantenere tutti i servizi sociali e poter fronteggiare le crescenti situazioni di difficoltà”.

Sono poi intervenuti gli assessori. Rosella Aristei per ricordare che il settore cultura, nonostante le restrizioni finanziarie ha mantenuto inalterate le attività del settore, che sono state aumentate e migliorate. Nella scuola sono stati garantiti tutti i servizi comunali, la mensa con il miglioramento dei menù i trasporti, servizi per i quali si è svolta un’azione di recupero dell’evasione nel pagamento delle rette.

Francesco Fratellini ha ricordato il lavoro svolto per il miglioramento dei servizi di polizia municipale, anche con la dotazione della stazione mobile; ma il suo intervento è stato incentrato sulla necessità in materia edilizia di garantire tempi certi nell’esecuzione delle pratiche e nel dare risposte tempestive ed efficaci alle richieste di nuovi insediamenti produttivi con una gestione puntuale del Pip.

Marcello Mantovani (lavori pubblici), ha ricordato gli impegni onorati anche in questi giorni con la realizzazione di 14 nuovi rallentatori stradali, il completamento del riassetto di via Veneto e l’imminente realizzazione delle due rotatorie di via Roma e via Firenze.

L’assessore Fabrizio Masci lascia lo sport e ricorda di aver garantito la ristrutturazione del palazzetto dello sport di viale Giontella e di aver portato a termine il nuovo contratto di gestione della piscina comunale che assicura un miglioramento dei servizi nella struttura natatoria.

Roberto Roscini ha parlato del bilancio la cui gestione soffre delle restrizioni imposte dal ‘patto di stabilità’ che, si è augurato, possa essere modificato quanto prima, almeno a beneficio dei Comuni virtuosi come è Bastia.

Luca Livieri, infine, ha confermato gli impegni in materia urbanistica sia per le aree di recupero, sia per la nuova variante al Prg, che vedrà quanto prima la nomina di un nuovo staff di tecnici-professionisti.








Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2011 alle 19:11 sul giornale del 29 giugno 2011 - 1995 letture

In questo articolo si parla di politica, giunta comunale, bastia umbra, comune di bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mHj