Freddii replica a Cianetti: ''La sua è demagogia''

Rino Freddii 2' di lettura 27/07/2011 -

Il capogruppo consiliare del Popolo della Libertà di Assisi, Rino Freddii, replica al capogruppo di Buongiorno Assisi e rappresentante del centrosinistra, Carlo Cianetti, in merito ad alcune recenti osservazioni, inerenti la bitumatura di piazza del Vescovado e le assunzioni comunali di dirigenti e segretari.



«Abituato come sono a lavorare da sempre in collaborazione con un team di persone, anche quando mi occupo di amministrazione pubblica presto la massima attenzione alle indicazioni ed alle sollecitazioni che mi arrivano, specialmente se sono opera di avversari politici che leggono il presente in maniera diversa e propongono soluzioni alternative a quelle dei colleghi della maggioranza.
Devo comunque confessare che non riesco, almeno per il momento, a comprendere dove terminano le convinzioni di Cianetti e dove inizia la demagogia, se quando enuncia notizie e dati è disinformato o mente sapendo di mentire, se si è accorto che la campagna elettorale è terminata oppure crede ancora di poter conquistare qualche preferenza.
A supporto di questa mia difficoltà nel comprendere il vero pensiero del leader della sinistra assisana, riporto alcune notizie apparse ultimamente sui quotidiani locali.

Secondo Cianetti bisognava utilizzare parte dell’avanzo d’amministrazione 2010, approvato nel consiglio comunale del 21 luglio, per pavimentare piazza del Vescovado; bene, uno si aspetta che la proposta sia quella di togliere risorse dalle frazioni per destinarle al centro storico; neanche per idea, infatti contemporaneamente il capogruppo di Buongiorno Assisi denuncia che le frazioni hanno avuto solo briciole.
Dove prendere allora i finanziamenti necessari? Mah!

Per quanto concerne la vicenda relativa al “taglio” dell’ing. Brunella Gambelunghe non credo siano sinceri gli apprezzamenti per il suo operato, infatti ricordo a tutti e a me stesso che l’intera opposizione di sinistra nella precedente legislatura non ha mai o quasi mai condiviso le istruttorie da lei stilate e più volte ha rimarcato l’inefficienza del settore urbanistico. Ricordo inoltre che il Prg parte strutturale è stato seguito dall’ing. Nodessi e non dalla dirigente dell’urbanistica, come si è tentato strumentalmente di far credere attraverso la stampa.
Infine come giudicare, se non puramente demagogica, la dichiarazione di Cianetti secondo la quale la decisione di sollevare dall’incarico l’ing. Gambelunghe “è quanto mai grave, perché oltretutto colpisce una donna incinta”?

Termino con la segreteria del sindaco. Non mi risulta l’assunzione di nessuna moglie di assessore che già non fosse impiegata con lo stesso incarico prima di convolare a nozze. Non vedo quindi dov’è il problema, a meno che secondo la sinistra un dipendente pubblico, per il solo fatto di sposarsi con un amministratore, debba perdere automaticamente il diritto al lavoro.»


da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-07-2011 alle 10:30 sul giornale del 27 luglio 2011 - 1119 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, assunzioni, rino freddii, carlo cianetti, piazza del vescovado, brunella gambelunghe

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nPa