Assisi, ecco il popolo della Marcia della pace

Assisi. Marcia della pace 2011 3' di lettura 26/09/2011 -

Sono accorsi da tutta Italia e hanno marciato per venticinque chilometri, in una tiepida giornata di settembre che ha celebrato un importante anniversario: cinquant’anni di Marcia della pace, dalla sua fondazione nel 1961 ad opera del filosofo nonviolento Aldo Capitini. E da Assisi in migliaia hanno lanciato un messaggio di pace: “Cambiare l’Italia si può”.



C’è chi ne ha contati 50mila e chi fino a 200mila. Difficile fare una stima precisa, ma non v’è dubbio che fossero molte decine di migliaia i marciatori che nella giornata di ieri, domenica 25 settembre, hanno riempito le strade tra Perugia e Assisi per “esserci ancora una volta nel nome della pace”.

La marcia è partita nella mattinata dall’arco di san Girolamo, nei pressi dei giardini del Frontone di Perugia, ed è giunta a destinazione presso la Rocca maggiore di Assisi a metà pomeriggio.
Sia alla partenza sia all’arrivo molte sono le personalità del mondo politico locale e nazionale che hanno preso parte al serpentone, percorrendo tratti più o meno lunghi di cammino e richiamando l’attenzione della stampa, accorsa massicciamente per documentare l’evento.

Fra i rappresentanti politici nazionali intervenuti all’iniziativa anche il leader di Sinistra ecologia e libertà Nichi Vendola (che ha indicato nella pace “la più incredibile e importante emergenza politica”, bollando come “insopportabile” il taglio alle spese sociali a fronte del finanziamento delle spese militari e indicando come via d’uscita dalla crisi l’abbandono del “modello di economia di guerra”) e il presidente del Partito democratico Rosy Bindi (che ha posto l’accento sui valori della Marcia a cinquant’anni dalla sua fondazione, durante i quali “si è ricordato all’Italia e al mondo che la pace è il bene più importante”, spostando la riflessione sul piano della crisi economica e dell’emergenza lavoro concludendo che “solo riponendo al centro il lavoro, i diritti e la dignità delle persone ce la potremo fare”).

Fra gli esponenti locali, oltre al presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini (che ha condiviso totalmente “la scelta di aver messo al centro di questa edizione della Marcia i giovani come costruttori di pace e di un mondo migliore” e definito come “significativa la presenza di tanti giovani arabi che provengono da quella martoriata sponda del Mediterraneo dove il processo di costruzione della pace appare purtroppo ancora lungo e difficoltoso”), anche i due sindaci di Assisi e Perugia, Claudio Ricci e Wladimiro Boccali che hanno marciato non solo per la pace, ma anche per sostenere la candidatura congiunta delle due città a capitale europea della cultura (PerugiAssisi 2019, foto in allegato).

Nel palco allestito alla Rocca gli esponenti della Tavola della pace hanno letto la “Mozione finale”, una sorta di tavola dei dieci comandamenti per rilanciare il progetto di un mondo e di una nazione basata sui valori della pace e e della fratellanza.

Un “sincero apprezzamento per la significativa manifestazione, volta a richiamare l’universale valore della pace nel rispetto dei diritti e dei doveri di ciascuno” è giunto anche da papa Benedetto XVI attraverso un messaggio letto dal vescovo di Assisi, mons. Domenico Sorrentino. Nella missiva all’esercito della pace il Pontefice ha rivolto il suo “cordiale saluto a tutti i partecipanti alla Perugia-Assisi”.

Il popolo dei marciatori, tuttavia, avrebbe lasciato dietro di sé non solo parole di pace e speranza, ma anche una scia di rifiuti di ogni sorta. A tal proposito un assisano indispettito lascia alla redazione di Vivere Assisi un colorito messaggio: «Vorrei far notare la sporcizia lasciata dal cosiddetto popolo della marcia della pace, perché se a casa loro fanno così vivranno forse in pace ma nella m***a».


Fotogallery:
l’arrivo dei marciatori alla Rocca maggiore di Assisi








Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2011 alle 12:08 sul giornale del 26 settembre 2011 - 1102 letture

In questo articolo si parla di attualità, pace, perugia, assisi, sara caponi, marcia della pace

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/pIV