SEI IN > VIVERE ASSISI > POLITICA
comunicato stampa

Buche in Piazza Garibaldi, Marini: ''Ora basta''

2' di lettura
692

Santa Maria degli Angeli

Di fronte al continuo dissesto stradale di viale Patrono d’Italia, il cui manto è rivestito da sampietrini che richiedono manutenzione praticamente perenne, il capogruppo della lista Lunghi, Luigi Marini, propone un aut-aut piuttosto drastico.

«Non è più tollerabile che l’assessorato ai lavori pubblici sia “costretto” a sprecare risorse economiche ed umane. Chi attraversa oggi piazza Garibaldi a S. Maria degli Angeli non potrà che non notare che proprio ieri si sono conclusi i lavori da parte degli operai del Comune di Assisi per riparare l’ennesima buca.
Ma questa Sr 147, viale Patrono d’Italia, che unisce piazza Garibaldi alla Basilica Papale della Porziuncola, pavimentata qualche anno fa quanto costa ai cittadini di Assisi?

L’allora sindaco Bartolini sapeva benissimo che quello che si stava realizzando non era un fondo stradale idoneo al carico di traffico che deve sopportare una strada regionale, ma era un progetto pensato e programmato per una strada pedonale (senza parlare della messa in opera del fondo stradale cioè della soletta di cemento armato, ma di questo gli angelani ne sono ben coscienti e sembra che molti di loro abbiano anche delle foto a riguardo), sembra che l’ingegnere capo già da allora il problema lo avesse evidenziato minacciando anche azioni forti.
Ma tanto per quella amministrazione i soldi ce n’erano tanti e si dovevano spendere in fretta e comunque, a volte anche senza guardare alla qualità dell’intervento, l’importante era fare.

Ma ora basta: i soldi non ci sono più e noi non ci possiamo permettere il lusso di sprecarli. Ora la giunta deve decidere e ha davanti a se solo due scelte:
a) togliere immediatamente il traffico pesante dalla piazza, e dopo l’apertura dei nuovi sottopassi questo è possibile;
b) ricoprire i sampietrini con una spessa colata di catrame, in maniera da attutire il peso dei mezzi.

Il sottoscritto suggerisce inoltre di indire un referendum in futuro riservato ai soli angelani e chiamarli a scegliere se pedonalizzare o meno l’intera piazza Garibaldi, e dopo, a seguito del risultato realizzare un serio piano del traffico urbano per Santa Maria degli Angeli.»



Santa Maria degli Angeli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-10-2011 alle 15:49 sul giornale del 12 ottobre 2011 - 692 letture