SEI IN > VIVERE ASSISI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Protezione civile mobilitata per accogliere migliaia di pellegrini

2' di lettura
637

Protezione civile

La visita del Santo Padre e delle Delegazioni dei 140 Capi delle principali confessioni religiose ad Assisi, con l’arrivo di alcune migliaia di pellegrini, ha determinato una grande mobilitazione.

Data la rilevanza dell’evento, per la parte relativa all’organizzazione ed all’accoglienza di autorità e pellegrini, la Regione Umbria insieme a Prefettura e Provincia di Perugia, al Comune di Assisi, alle autorità di Pubblica Sicurezza, alle Associazioni di volontariato e a tutti gli altri Enti, fra cui Ferrovie dello Stato, a vario titolo coinvolti nella gestione dello stesso evento, hanno costituito un vero e proprio sistema a rete, entro cui opereranno nell’ambito delle linee prefissate nel corso delle riunioni organizzative tenutesi nella sede del Centro Regionale di Protezione Civile della Regione Umbria a Foligno.

Sarà così adottata nell’ambito delle rispettive competenze, ogni ulteriore e necessaria iniziativa richiesta dalle circostanze o concrete situazioni emergenti, salvo darne immediata comunicazione alla Prefettura di Perugia ed alla Sala Operativa Unica Regionale (SOUR), dove saranno presenti i referenti di tutti i soggetti coinvolti nell’organizzazione dell’evento.

Saranno sette le Postazioni Territoriali di Controllo (PTC) attraverso le quali la Regione Umbria – Servizio Protezione Civile garantirà il supporto alla gestione del Pellegrinaggio del Santo Padre, sia per la Polizia municipale nell’attività di presidio della viabilità e per fornire indicazioni ed assistenza ai pellegrini, sia per la struttura di coordinamento dell’evento per avere informazioni sullo svolgimento dello stesso.

Le stesse postazioni faranno da check-point nei confronti del pellegrini e come luogo di assistenza per far fronte all’eventuale situazione climatica sfavorevole. All’interno delle Postazioni Territoriali di Controllo, sarà presente un Funzionario regionale coadiuvato da un esperto in Protezione Civile dell’ANCI e un referente qualificato per i volontari presenti.

È’ stato inoltre predisposto un piano che prevede lo schieramento di sei ambulanze con personale paramedico specializzato che coincide, per la maggior parte, con le Postazioni Territoriali di Controllo, onde consentire immediati soccorsi.



Protezione civile

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2011 alle 22:07 sul giornale del 27 ottobre 2011 - 637 letture