SEI IN > VIVERE ASSISI >
articolo

Un nuovo anno di sfide è alle porte

2' di lettura
641

Calendario

È ormai un’abitudine diffusa, quasi un mantra, soffermarsi a riflettere sull’anno appena trascorso e ripercorrerne le tappe. Lasciandoci il passato alle spalle e con l’occhio rivolto verso il futuro, noi di Vivere Assisi preferiamo guardare avanti all’anno che verrà.

Quello che ci aspetta è un anno di sfide. Per noi di Vivere Assisi la sfida più grande consiste nel miglioramento. Una sfida davanti alla quale non ci poniamo solo all’affacciarsi del nuovo anno ma, piuttosto, al sorgere di ogni nuovo sole. Una sfida costante, che affrontiamo giorno dopo giorno da oltre un anno e mezzo. La vostra soddisfazione è la nostra vittoria, per la quale il nostro impegno quotidiano è quello di distinguerci in un servizio di informazione più che mai trasparente, completo, puntuale. Caratteristica, quest’ultima, di cui ultimamente non sempre possiamo vantarci. La nostra trasparenza è anche nel manifestare i nostri limiti, nell’auspicio di poterli superare in vista di un servizio sempre migliore.

Per questo 2012 il nostro impegno è quello di parlarvi il più possibile. Parlare di ciò che accade nel nostro territorio, dalla cronaca all’attualità, dalla politica all’economia, dai grandi eventi alle storie quotidiane.
Per questo 2012 il nostro impegno è quello di ascoltarvi il più possibile. Ascoltare fatti, opinioni, storie. Storie ordinarie e straordinarie, affinché possiate sentire “vostro” lo strumento comunicativo che mettiamo a disposizione di voi tutti.
Per il nuovo anno il nostro auspicio è rendere sempre più Vivere Assisi una piazza di scambio e confronto diretto. Questo è il nostro desiderio e per realizzarlo ci rimboccheremo le maniche fin da subito, al fine di renderci e rendervi protagonisti del nostro territorio.

Perché Vivere Assisi siamo noi, siete voi.


Buon anno da tutta la redazione


Fuochi d'artificio



Calendario

Questo è un articolo pubblicato il 31-12-2011 alle 08:31 sul giornale del 31 dicembre 2011 - 641 letture