Bastia: approvato il bilancio 2012. Tarsu invariata e agevolazioni per tasse scolastiche

soldi 3' di lettura 05/01/2012 -

Il consiglio comunale riunitosi giovedì 29 dicembre 2011 ha approvato a maggioranza il bilancio preventivo 2012 e quello pluriennale 2012-2014. Il voto è arrivato a tarda notte, dopo un approfondito dibattito al termine del quale la maggioranza di centrodestra ha votato a favore, contraria la minoranza di sinistra.



Bastia Umbra è tra i pochi Comuni umbri e italiani che hanno varato la manovra finanziaria del 2012 entro dicembre; una scelta quest’anno ancora più impegnativa per la Giunta che ha dovuto mettere a punto la proposta di bilancio in pochi giorni, senza però trascurare l’indispensabile attenzione agli effetti pratici della manovra finanziaria del governo Monti, che ha introdotto novità di notevole impatto per i Comuni, a cominciare dall’introduzione dell’Imu, che sostituisce l’Ici, dal 2012 in anticipo rispetto al 2014, anno di applicazione che era stato individuato dal governo Berlusconi.

Il Consiglio comunale ha votato, in questo caso all’unanimità, l’aliquota dell’addizionale comunale Irpef che rimarrà invariata nel 2012 al 6 per mille, mentre è stata innalzata la fascia di esenzione dell’addizionale che passa da 9 a 10 mila euro.

Abbiamo voluto confermare la scelta di approvare il bilancio entro dicembre – ha sottolineato il Sindaco Stefano Ansideriper dare un segno di serietà amministrativa e di ordinata gestione, sia per gli amministratori, che per i funzionari, a beneficio dei cittadini. Abbiamo recepito la manovra del Governo nazionale scegliendo di applicare le aliquote Imu previste dal Governo senza alcuna modifica, e di introdurre invece tariffe distinte in base al reddito per alcuni servizi come le mense e sui trasporti scolastici, per i quali si prevede una riduzione a favore dei redditi più bassi. Confermiamo per il terzo anno consecutivo inalterata la tassa per i rifiuti solidi urbani, una scelta che caratterizza positivamente il nostro Comune e di cui beneficiano i cittadini di Bastia, rispetto alla generalità degli Enti locali umbri dove sono stati già annunciati aumenti della Tarsu”.

Il bilancio è stato illustrato nei dettagli dall’Assessore alle finanze Roberto Roscini il quale ha sottolineato che la previsione finanziaria 2012 risente dei forti condizionamenti imposti dalla legge dello Stato, che ha aumentato i vincoli di bilancio per i comuni. “La manovra nazionale ha reso ancora più stringenti i vincoli del patto di stabilità, la diminuzione dei trasferimenti statali (733 mila euro in meno rispetto al 2011) e la riduzione delle possibilità di indebitamento del Comune nel triennio 2012-2014.
Il bilancio prevede per alcune tariffe comunali aggiustamenti effettuati con particolare attenzione alle fasce meno abbienti della popolazione con riduzione del costo del trasporto scolastico e delle mense ed incrementi solo per i soggetti con reddito familiare Isee superiore a 20.000 euro. Particolari riduzioni della quota fissa per la frequenza degli asili nido comunali sono state previste per le famiglie che hanno più di un figlio iscritto all’asilo e tali riduzioni verranno modulate in base ai redditi del nucleo familiare.
Nonostante la riduzione delle entrate – ha concluso Roscini -, l’amministrazione comunale ha scelto di aumentare le risorse per alcune funzioni, come il sociale e lo sviluppo economico:
12 mila euro in più per il sociale allo scopo di sostenere coloro che sono in situazioni di necessità; per lo sviluppo economico sono stanziati 100 mila euro, da utilizzare già nelle prime settimane del 2012, per fornire un aiuto alle piccole imprese nell’accesso al finanziamenti bancari a costi agevolati”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-01-2012 alle 11:38 sul giornale del 05 gennaio 2012 - 1116 letture

In questo articolo si parla di economia, bilancio, ici, TARSU, stefano ansideri, bastia umbra, comune di bastia umbra, roberto roscini, imposte, imu

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tCE